!

Carlo Sini, L’arte, le api e Darwin. Conversazioni

A cura di Sergio Fava. Tre luoghi dell’origine per comprendere la natura umana e con essa molti aspetti della nostra attualità: così si potrebbe riassumere l’intento che accomuna i percorsi di questa serie di lezioni. Il primo luogo è l’arte, intesa ben prima e ben al di là della sua considerazione estetica, e indagata invece come soglia antropologica decisiva e come istanza “metafisica” (diceva Nietzsche) dell’umano. Alla evoluzione della natura umana si riferisce anche la seconda ricerca dell’origine, in riferimento a Darwin e al suo nascosto sogno, tuttora poco noto, di arrivare a una comprensione finalmente scientifica dell’autocoscienza spirituale che separa la psiche dell’uomo dall’intelligenza animale. Terzo luogo d’origine è la nascita dell’economia propria delle società complesse. La rilettura della Favola delle api di Bernard de Mandeville, genialmente concepita agli inizi del XVIII secolo, si rivela così una metafora efficace per riflettere sulle nostre grandezze e sulle nostre miserie. pp. 176, isbn 978-88-8212-768-8
siniarte

Alberto Toscano, Critica amorosa dei francesi

Presentazione di Corrado Augias. Questo libro, che ha provocato in Francia commenti molto favorevoli dall’insieme dei media e soprattutto da “Le Monde” e “Le Figaro”, smonta uno per uno i vecchi stereotipi che i francesi hanno su se stessi e cerca di dimostrare ai nostri cugini d’Oltralpe che si sentiranno molto meglio il giorno in cui smetteranno di credersi “eccezionali”. Da «la cucina francese è la migliore al mondo» alla fierezza di considerarsi «la patria dei diritti umani», da «Parigi, capitale mondiale» al mito della galanteria francese, i francesi coltivano una raffica di luoghi comuni di cui spesso si nutrono e talvolta si colpevolizzano. Che cosa vuol dire essere la patria dei diritti umani in un’epoca in cui molti politici promettono di dar la caccia agli immigrati? Con capitoli su Zidane e la finale dei mondiali contro l’Italia, Carla Bruni e Cesare Battisti. Un libro intelligente e divertente. pp. 232, isbn 978-88-8212-779-4
toscanocritica

Mario Pinchera, Lingua d’ok

Un ironico “dizionario” delle parole da evitare, degli errori più comuni, dei tormentoni linguistici: Mario Pinchera, per una vita insegnante di italiano e latino nei licei, propone qui alcuni appunti che vogliono essere un richiamo all’ordine e al buon uso della lingua italiana. fingendo di rivolgersi a un figlio di quindici anni, passa da una certa giocondità iniziale a una disincantata amarezza, perché il cattivo gusto di parlanti e scriventi è un pozzo senza fondo: «Se al lettore accadrà, nonostante tutto, di sorridere almeno un po’, e magari d’imparare qualche cosa, mi riterrò “pienamente soddisfatto”. Non si dice così?» pp. 136, isbn 978-88-8212-775-6
pincheralinguaok

Bob Dylan. Play a song for me. Testimonianze

Joan Baez, Stefano Benni, Fabrizio De André, Carlo Feltrinelli, Richard Gere, Allen Ginsberg, Francesco Guccini, Jack Nicholson, Fernanda Pivano, Bruce Springsteen, Patrizia Valduga. A cura di Giovanni A. Cerutti. Con una nota di Alessandro Carrera. «Io sono le mie parole» ha scritto Bob Dylan: in occasione dei suoi settant’anni sono qui raccolte le voci di compagni di strada (come Joan Baez, innamorata di «lui e la sua chitarra e le sue splendide, sconnesse, mistiche parole», Allen Ginsberg e Fernanda Pivano) e di chi è cresciuto con le sue canzoni (da Richard Gere a Bruce Springsteen, per il quale è stato «il fratello che non ho mai avuto»). Non mancano cantautori come De André e Guccini («Dylan è le nostre idee di allora, le nostre discussioni di politica e di musica»), con una canzone tradotta da Patrizia Valduga e testi di Stefano Benni e Carlo Feltrinelli, senza dimenticare il rapporto di Dylan con Obama, di cui scrive Carrera: «Hey! Mr. Tambourine Man, play a song for me!» con una divertente e semisconosciuta finta lettera scritta dallo stesso Dylan alla madre della Baez, riemersa dai cassetti della folksinger. pp. 104, isbn 978-88-8212-778-7

bobdylan

Massimo Novelli, La cambiale dei Mille e altre storie del Risorgimento

«Quelli del Risorgimento non furono anni tristi, men che mai noiosi; anzi non ci sono nella nostra storia episodi più eroicamente festosi, concitati, coloriti, persino un poco matti», dei quali la gran massa degli italici di oggi ben poco conosce. Il Risorgimento è colmo di storie emozionanti, umanissime, commoventi, e di uomini e di donne che sperarono, soffrirono, patirono la galera, combatterono, vissero e, in molti casi, morirono, per la patria, l’indipendenza, la libertà, la giustizia, l’eguaglianza. Di loro si occupa questo libro, che ha lo scopo di far rivivere episodi e personaggi a volte decisivi, a volte apparentemente minori, in taluni casi poco noti oppure venuti alla luce di recente. Tra i protagonisti il rivoluzionario conte Carlo Bianco di Saint Jorioz, il capitano e avventuriero Celso Cesare Moreno, il sergente Cirio. Senza dimenticare l’industriale Alessandro Antongini, che finanziò i Mille, la garibaldina Tonina Marinello e la conturbante contessa Maria Martini. pp. 320, isbn 978-88-8212-767-1
cambiale

Lucilla Giagnoni, Big Bang. L’origine dell’universo e della vita (LIBRO+DVD)

Testi introduttivi di Silvio Barbaglia, Maria Rosa Panté e Alba Zanini. Una donna, una madre, si pone l’eterna domanda dell’individuo di fronte al mistero dell’Universo e del suo inizio. E cerca una risposta interrogandosi su tre concetti fondamentali dell’esistenza – la luce, il buio e il tempo – in un percorso che mette a confronto tre diversi linguaggi: il testo sacro della tradizione biblica, la poesia (la visionarietà metafisica di Dante e la concretezza delle passioni umane in Shakespeare) e la scienza, attraverso la figura di Einstein che in sé compendia le ricerche della fisica sull’infinitamente grande (la relatività) e infinitamente piccolo (la meccanica quantistica). Per approdare a una nuova consapevolezza: «Io ora so che non raggiungerò mai la mia radice, ma che la mia radice esiste. Non conoscerò mai il mistero che sta là in fondo al buio, ma so che una verità c’è». pp. 176, isbn 978-88-8212-738-1 ESAURITO
bigbang

Silvana Lattmann, Brunngasse 8

La storia della casa in cui Silvana Lattmann vive a Zurigo rimonta a un lontanissimo passato, rivelato dagli affreschi portati alla luce durante i lavori di restauro. È la storia di una facoltosa famiglia ebrea e della sua terrbile fine, vittima di un’ingiusta accusa: «Ora, da quando abito l’appartamento, per la storia sanguinosa che vi è stata scoperta, sono entrata nel mondo faticoso del rapporto con la violenza e percorro la linea della circonferenza cadendo fuori e dentro il cerchio». pp. 64, isbn 978-88-8212-772-5
brungasse

Alda Merini, Più della poesia. Due conversazioni con Paolo Taggi (libro + DVD)

Alda Merini, a un anno dalla morte, in un libro-verità scritto con chi l’ha portata la prima volta in tv, Paolo Taggi: «Era prima di molte cose. Del suo infinito successo mediale, prima di tutto. La televisione non era ancora diventata il confessionale riconosciuto di segreti coltivati fino al momento di rivelarli, il capolinea delle storie vissute per poterle raccontare». La poetessa dei Navigli si racconta in due momenti della propria «vita più bella della poesia»: «la poesia è un paio di scarpette rosse. Spesso si balla sulle braci, Sul fuoco. È così. È una condanna». Un libro-testamento per ascoltare la voce della Merini al di là delle apparizioni e dell’immagine inflazionata: «anch’io sono vittima del mio stesso mistero». Pp. 80, isbn 978-88-8212-737-4.

piudellapoesia

Alberto Casiraghy, Gli occhi non sanno tacere. Aforismi per vivere meglio

Con un testo di Sebastiano Vassalli e illustrazioni dell’autore. Un libro per i momenti tristi ma anche per quelli felici. Lo scrive un poeta tipografo amico di Alda Merini che confessa: «le più belle poesie le ho scritte sotto tortura». Nella convinzione che «chi dice la verità non è mai solo!» l’autore affianca ai suoi aforismi disegni che incuriosiscono dimostrando come «la vera felicità non sta mai ferma». La natura e la passione palpitano in queste pagine («Chi sa incendiarsi conosce bene la forza dei ruscelli»): uno sguardo puro sul mondo e sugli affetti. «Vi prego! Toglietemi tutto ma salvatemi gli occhi» chiede Alberto Casiraghy. I suoi pensieri «si affacciano e si sporgono dal balcone della ragione» annota nel testo introduttivo Sebastiano Vassalli. pp. 84, isbn 978-88-8212-721-3

casiraghy

Filostrato di Lemno, Il manuale dell'allenatore

Introduzione, traduzione e note a cura di Alessandro Caretta. Un testo del III secolo che rimane l'unica testimonianza sull'aspetto teorico dell'atletica nel mondo antico. Chi ama lo sport non può ignorare Filostrato, che avvisa contro i pericoli del professionismo e condanna il superallenamento dei giovanissimi. pp. 116, isbn 88-86121-57-1

Michel Deutsch, Sit venia verbo

In collaborazione con Philippe Lacoue-Labarthe. Con una nota critica di Marcel Conche; traduzione e introduzione di Santo Arcoleo. Un'opera teatrale sui rapporti di Martin Heidegger con il nazismo, pubblicata in Francia e ora tradotta per la prima volta in Italia. pp. 112, isbn 88-8212-123-3

Mario Gromo, Guida sentimentale

Un capolavoro di stile e di memoria sui luoghi di una città molto amata: Torino. L'autore, Mario Gromo, partecipò negli anni venti alla vita culturale torinese con Gobetti, Debenedetti, Solmi; fondò una casa editrice che pubblicò nel giro di pochi anni alcuni tra i testi più significativi della letteratura italiana di quel periodo, infine si dedicò al giornalismo come critico cinematografico. Con Maria Adriana Prolo costituì il Museo del Cinema, oggi ospitato nella Mole antonelliana. pp. 128, isbn 88-86121-93-8

Carlo Dionisotti, Chierici e laici

Con una lettera di Delio Cantimori. "La discussione sui rapporti tra Stato e Chiesa torna in Italia... è stata ed è discussione politica, fondata sulle condizioni presenti e rivolta a condizioni future". Torna un testo-chiave del grande maestro della cultura italiana, professore emerito dell'Università di Londra, scomparso nel 1999. pp. 80, isbn 88-86121-61-X

Ennio Staid, Perché in India?

Il viaggio disincantato ma rispettoso di un sacerdote domenicano attraverso il mondo misterioso dei guru e dei santoni, alla ricerca delle ragioni per cui molti occidentali (non solo giovani) partono alla volta dell'India inseguendo desideri e speranze. pp. 152, isbn 88-8212-240-9

Laura Curino, Roberto Tarasco, Gabriele Vacis, Passione

Con una postfazione di Enrico Palandri. Un testo del Laboratorio Teatro Settimo, che racconta la scoperta del teatro e del progressivo raffinamento di una vocazione sbocciata in mezzo ai condomini della cintura torinese, dove la rapida immigrazione del dopoguerra mescolava dialetti e abitudini in quella che sarebbe diventata l'Italia di oggi. pp. 96, isbn 88-8212-141-0

Stefano Agosti, Carlo Carena, Il lago di Montale

La poesia Sul lago d'Orta di Eugenio Montale viene esaminata verso per verso, parola per parola, in tutte le sue implicazioni. Si tratta del testo, fino ad allora inedito, che il "Corriere della Sera" pubblicò annunciando l'assegnazione a Montale del premio Nobel per la letteratura. Completa il volumetto un'incisione di Mauro Maulini. pp. 48, isbn 88-8212-100-3

ESAURITO

Eugenio Montale, L'arte di leggere. Una conversazione svizzera

La voce di Montale riaffiora dagli archivi della Radiotelevisione svizzera di lingua italiana e viene trascritta nelle pagine di questo volumetto sul modo di leggere e di rileggere. A cura di Claudio Origoni e Maria Grazia Rabiolo, con note di Fabio Soldini e Uberto Motta. pp. 48, isbn 88-8212-104-6

ESAURITO


Giorgio Ambrosoli: «Nel rispetto di quei valori»

Assassinato nel luglio del 1979 da un sicario giunto dall'America su incarico del bancarottiere Sindona, l'avvocato Giorgio Ambrosoli, già definito un "eroe borghese", è un martire della giustizia nell'Italia di oggi. Il libro raccoglie la lettera-testamento di Ambrosoli, un ricordo della moglie, testi di Giampaolo Pansa, Alberto Mazzuca, Silvio Novembre, Marco Vitale, Umberto Ambrosoli, Gherardo Colombo, Maurizio De Luca, Corrado Stajano, Giuliano Turone. A cura di Carlo Robiglio. pp. 100, isbn 88-8212-133-X

Giannino Piana, Sapienza e vita quotidiana

Con una nota di Enzo Bianchi. Un volume che finalmente, superando i qualunquismi e il lato debole di certe mode, propone un itinerario verso una vera conoscenza personale e intellettuale aperta al mistero, nella consapevolezza che "è necessaria una conoscenza di sé alimentata da concreti stili di vita, con etica e spiritualità che divengono momenti intrecciati di un unico processo". pp. 208, isbn 88-8212-195-X

La Marchesa Colombi, La gente per bene. Galateo

Uno straordinario galateo scritto nel 1877 ma modernissimo nello spirito e nei contenuti, opera di una delle più interessanti scrittrici italiane di fine Ottocento. A cura di Silvia Benatti, Inge Botteri e Emmanuelle Genevois. pp. 272, isbn 88-8212-215-8