Edizioni varie
!

Quaderni borromaici. Saggi, studi, proposte, 4 (2017)

Testi di Giorgio Mariani, Angelo Stella, Matilde Oliva, Simone Nota, Simona Lomolino, Demetrio Marra, Maria Pia Sacchi, Anna Saroldi, Ugo Rozzo, Mario Pisani, Fabio Maggi, Giovanni Caravaggi, Carlo Leonardi, Giovanni Borghese. «Fummo raggiunti da un altro cortese e dotto religioso: il padre Barletti, professore di fisica che si occupa molto dell’elettricità, nella quale sembra che chiarirà bene le cose che è necessario chiarire. Andammo insieme al Collegio Borromeo, dove vidi con piacere i bei portici a colonne binate e con piacere ancor maggiore una sala affrescata dagli Zuccari, che vi hanno rappresentato i principali periodi della vita di San Carlo Borromeo. Questi dipinti, che hanno circa due secoli, sono ancora di una freschezza sbalorditiva, e io ammirai particolarmente la verosimiglianza con cui è resa la peste di Milano». (Jean Bernoulli). pp. 176, isbn 978-88-6857-125-2


I sabati della salute

L’Associazione Mimosa Amici del DH Oncologico di Borgomanero opera dal 2004 all’interno della Struttura Complessa di Oncologia attraverso una collaborazione attiva e costante con il personale del Centro. Obiettivo principale è quello di supportare il reparto nella gestione del paziente oncologico e della sua famiglia al fine di concretizzare la presa in carico globale promossa dalla Rete Oncologica del Piemonte e della Valle d’Aosta. L’Associazione promuove e organizza numerose attività: gestione del punto ristoro, gestione della biblioteca, cura degli ambienti, corsi per i pazienti per superare l’isolamento e fornire supporto anche psicologico, momenti ricreativi, acquisto di farmaci non mutuabili da distribuire gratuitamente, acquisto di materiale utile alla diagnosi e alla cura delle malattie oncologiche, stampa e pubblicazione di materiale informativo. Altro obiettivo importante è quello di promuovere la prevenzione oncologica attraverso materiale informativo, conferenze sulla prevenzione, corsi di cucina preventiva per adulti e bambini. Nel 2016 sempre nell’ottica della promozione della salute ha organizzato il circuito di conferenze dal titolo I sabati della salute: un percorso, durato un anno, di conferenze a tema legate tutte da un sottile filo conduttore: la consapevolezza. Solo la conoscenza infatti ci rende consapevoli di ciò che ci circonda e liberi di scegliere come vivere la nostra vita e la nostra salute. Da questa bella esperienza nasce questo libro che vuole promuovere quanto emerso durante il circuito al maggior numero possibile di persone, affinché la buona informazione possa propagarsi e aiutare sempre più a capire che la prevenzione dipende prima di tutto da noi. pp. 144, isbn 978-88-6699-130-6


Castello di Masino III. Catalogo della Biblioteca dello Scalone

A cura di Lucetta Levi Momigliano e Laura Tos. Ecco il terzo dei quattro volumi del Catalogo della Biblioteca dello Scalone del Castello di Masino. Il Ministero per i Beni Culturali e Ambientali, con Decreto del 28 maggio 1988, aveva definito la raccolta libraria custodita nel Castello Valperga di Masino «di eccezionale interesse artistico, storico, culturale», e l’aveva sottoposta a tutte le disposizioni di tutela stabilite dalla legge. A partire dal 1988, fu possibile iniziare la pulitura, il riordinamento e la catalogazione informatizzata di circa 25 000 volumi. La raccolta libraria è frutto di un collezionismo di alto livello rappresentato, sin dall’inizio del XVII secolo, dai personaggi più importanti della famiglia Valperga, sempre aggiornati sulla cultura scientifica e letteraria del loro tempo e in contatto con l’intellettualità della corte sabauda e delle altre corti europee. Il Catalogo è uno strumento importante per la diffusione della conoscenza delle memorie di una tra le più prestigiose famiglie aristocratiche subalpine e per l’approfondimento delle ricerche sulla storia del Piemonte. La schedatura dei singoli volumi è stata condotta dalla bibliotecaria del Castello che ha prestato attenzione ai singoli esemplari individuando ex libris, firme di possesso, dediche, e ogni possibile notazione utile a ripercorrere il filo delle collezioni, il gusto e la cultura dei singoli committenti. pp. 456 + XXXII, isbn 978-88-8212-956-9


Quaderni Borromaici. Saggi, studi, proposte 3

«Il palazzo del Borromeo appartiene all’affascinante periodo intermedio dell’architettura, in cui il Rinascimento travalica nel Barocco. Andiamo nel cortile, dove la pietra chiara è listata da fregi di cotto tendente al violaceo; nei giardini; nelle ampie sale decorate di affreschi e quadri, dalle cui pareti ci guardano i ritratti dei Borromei succedutisi durante i secoli, primo, dopo san Carlo, il Federico manzoniano. Si finisce nell’appartamento privato del rettore, una fila di stanze a pianterreno, con bei mobili antichi, e le finestre aperte su un giardino quasi segreto. Mi offre una colazione semplice ma raffinata, nel senso del Manzoni, della domenica cristiana; minestra e pane casalinghi, pesce di fiume, vitello di queste campagne. Il rito del caffè si compie in camera da letto, dov’egli tiene in uno stipo il fornello e le tazze. Quando un allievo sgarra, il rettore gli annuncia con solennità “un caffè”, che in Lombardia significa una lavata di capo, e condottolo in camera invece gli offre un caffè vero» (Guido Piovene, Viaggio in Italia). pp. 256, isbn 978-88-6857-009-5

Giorgio Delrosso, Fotodermatologia e fototerapia

La foto-dermatologia e la fototerapia rappresentano ormai discipline consolidate, con numerosi campi di applicazione in ambito dermatologico e non. A esse si rivolgono non solo il dermatologo, ma anche l’allergologo, l’internista, l’ematologo e il chirurgo plastico con una irrinunciabile sinergia e interdisciplinarietà per il trattamento di un numero sempre più ampio di patologie. Le strumentazioni in uso offrono dispositivi diagnostici e terapeutici integrati in modelli informatici, per ottimali protocolli terapeutici e per il follow up. In questo testo si vuole offrire un percorso conoscitivo e progressivo che dalla fotofisica, dalla fotochimica e dalla fotobiologia perviene alla trattazione della fotodermatologia e alla fototerapia, dove l’esperienza dello scrivente si integra con la revisione della letteratura internazionale. In particolare il capitolo sulla fototerapia e l’auricoloterapia rappresenta un innovativo campo di applicazione dove dermatologo e psichiatra offrono al paziente un modello terapeutico certamente sperimentale, ma con un significativo razionale confortato dai positivi risultati raggiunti. pp. 328, isbn 978-88-6857-078-1

Giorgio Delrosso, Capillaroscopia dermatologica

Con la collaborazione di Pamela Farinelli. La capillaroscopia periungueale è un’indagine osservazionale non invasiva che permette l’osservazione in vivo di piccoli vasi (diametro inferiore a 500 micron) utilizzata correntemente come esame complementare, ma ormai irrinunciabile,  nell’iter diagnostico e nel follow up di malattie autoimmuni, quali la sclerodermia, il lupus eritematoso, la dermatomiosite e altre affezioni microcircolatorie come le turbe vasospastiche periferiche (fenomeno di Raynaud, acrocianosi). Capillaroscopia dermatologica vuole essere un contributo allo studio delle suddette patologie, con un indispensabile correlato introduttivo anatomo-fisiologico, le peculiarità della metodica e la descrizione dei quadri capillaroscopici, non disgiunta dagli aspetti clinici e anatomo-patologici delle malattie trattate. Le immagini iconografiche, poste come “Atlante” a fine testo, caratterizzano l’impronta anche sicuramente didattica del libro. pp. 152, isbn 978-88-6857-077-4


Francesco Grazioli, Pietro Ranaudo, Carmelo Condorelli, Gaetano de Nicolo, Dall’otoneurologia alla posturologia statica e dinamica. Valutazione della sintomatologia vertiginosa da deficit degli ingressi sensoriali

L’analisi posturale sta riscuotendo un interesse sempre maggiore da parte di molti specialisti ai quali manca nella professione un target ad essa dedicato (ORL, Odontoiatri, Osteopati, Neurologi, Ortopedici, Fisiatri, ecc). Obiettivo del corso e del manuale è di fornire al professionista le conoscenze di base per una corretta diagnosi e terapia delle patologie tipiche a carico del sistema posturale. Viene affrontato, in maniera multidisciplinare, ogni disturbo causato da alterazioni posturali che possano originare da patologie centrali oppure periferiche  a carico dell’orecchio o dei vari organi interessati nella postura (rachide cervicale, articolazione temporo-mandibolare, ecc.). Il manuale è organizzato in modo da permettere una veloce e facile consultazione che permetta un immediato accesso ai risvolti pratici della materia senza dilungarsi in aspetti teorici che lasciamo ad altre e più nobili pubblicazioni. , pp. 416, isbn 978-88-6857-048-4


Castello di Masino II. Catalogo della Biblioteca dello Scalone

 

A cura di Lucetta Levi Momigliano e Laura Tos. Ecco il secondo dei quattro volumi del Catalogo della Biblioteca dello Scalone del Castello di Masino. Il Ministero per i Beni Culturali e Ambientali, con Decreto del 28 maggio 1988, aveva definito la raccolta libraria custodita nel Castello Valperga di Masino «di eccezionale interesse artistico, storico, culturale», e l’aveva sottoposta a tutte le disposizioni di tutela stabilite dalla legge. A partire dal 1988, fu possibile iniziare la pulitura, il riordinamento e la catalogazione informatizzata di circa 25 000 volumi. La raccolta libraria è frutto di un collezionismo di alto livello rappresentato, sin dall’inizio del XVII secolo, dai personaggi più importanti della famiglia Valperga, sempre aggiornati sulla cultura scientifica e letteraria del loro tempo e in contatto con l’intellettualità della corte sabauda e delle altre corti europee. Il Catalogo è uno strumento importante per la diffusione della conoscenza delle memorie di una tra le più prestigiose famiglie aristocratiche subalpine e per l’approfondimento delle ricerche sulla storia del Piemonte. La schedatura dei singoli volumi è stata condotta dalla bibliotecaria del Castello che ha prestato attenzione ai singoli esemplari individuando ex libris, firme di possesso, dediche, e ogni possibile notazione utile a ripercorrere il filo delle collezioni, il gusto e la cultura dei singoli committenti. pp. 440 + XXXII, isbn 978-88-8212-851-7


Quaderni Borromaici. Saggi studi proposte. 2 (2015)

«Allora, dietro l’austero portone, s’indovina la sua ampiezza sonora, i portici e i loggiati dove le colonne abbinate s’inseguono come le rime baciate nei poemi, il salone frescato con vaghezze d’aurore rapprese, la veduta ariostesca sul prato con ampio gioco d’aria e blandimento di fontana e la solenne scalea da cui sale la sera violetta. (E un giorno vi salivano, alunni, Contardo Ferrini e Carlo Forlanini). In tanta suggestione ed elevazione, solo che si dica un nome – Borromeo – si ravvivano antiche condizioni di vita e aspetti insigni di memorie e costumi e privilegi aboliti: tutto un denso passato. E se, cauto, sali la gradinata, ti par d’essere assunto nel corteo dei civilissimi uomini che da quattro secoli qui si preparano a migliorare il mondo con gli alti studi e le lodevoli opere. Palazzo come civiltà» (Cesare Angelini, Luna sul Borromeo). pp 184, isbn 978-88-6857-001-9


Con le Ali

Interlinea-Nova. Il 16 maggio del 1984 un piccolo gruppo di genitori adottivi ha fondato l’associazione, con lo scopo di contribuire alla tutela dei diritti dei minori e di dare una famiglia ai bambini che ne fossero privi «indipendentemente da condizioni etniche, razziali, sociali e religiose». In queste poche parole, e nella sintesi dello scopo dell’associazione, c’è tutta la nostra storia, costruita pazientemente da quei genitori adottivi che, accogliendo in famiglia un minore che viene da un altro paese, hanno scoperto la potenza e l’inevitabilità dei valori della solidarietà, il nuovo significato di maternità, paternità, fratellanza. Tutto il resto è venuto di conseguenza, semplicemente e senza strappi. L’impegno per l’integrazione, la necessità dell’accoglienza, i progetti di cooperazione, i sostegni a distanza, la vigilanza contro pratiche adottive “di mercato”, l’approfondimento, la riflessione, l’attenzione a territori e culture lontani…

Ma anche i dubbi, gli errori, le decisioni sbagliate, perché per ogni organismo che vive – e NOVA ha vissuto e vive intensamente – l’esistenza è un flusso in continuo e magnifico movimento. Dalla sua fondazione – 1984 – al 2014 NOVA ha realizzato 1642 adozioni internazionali dai seguenti Stati: Benin, Bolivia, Brasile, Burundi, Cile, Colombia, Congo, Ecuador, El Salvador, Etiopia, Filippine, Haiti, Honduras, Madagascar, Mali, Messico, Perù, Sri-Lanka, USA (Georgia), Ucraina.

Il fine e lo sforzo costante di NOVA sono quelli di combattere ogni pratica che, snaturando l’istituto dell’adozione, la trasformi in un mercato, e di garantire un percorso adottivo trasparente in ogni sua fase e coerente con il fine di tutela dei diritti del minore dell’infanzia. NOVA accetta un numero di mandati proporzionato al numero di adozioni che concretamente riesce a realizzare, ritenendo che diversamente causerebbe alle coppie attese ancora più lunghe di quelle che il percorso dell’adozione internazionale comporta in situazioni di normalità.

Scopo di NOVA è contribuire complessivamente alla tutela dei diritti dei minori e alla prevenzione del loro abbandono. Si occupa pertanto di progetti di cooperazione all’estero destinati a fare sì che i minori possano rimanere all’interno della loro famiglia o del loro paese, in applicazione del principio “di sussidiarietà”: l’adozione internazionale è legittima se e in quanto segue il serio tentativo di evitare lo sradicamento del minore dalla famiglia biologica e la preventiva e altrettanto seria ricerca di una famiglia di accoglienza, nelle forme dell’adozione nazionale. Il “sostegno a distanza” è un aiuto prolungato nel tempo che mira a prevenire l’abbandono del minore. È un atto di solidarietà che gli offre l’opportunità di poter vivere l’infanzia con dignità nella propria famiglia o comunque nella sua comunità. È un aiuto mirato principalmente a garantire un’istruzione di base, la crescita personale, il benessere psico-fisico, ma anche a promuovere l’auto-sviluppo della famiglia per evitare che il contributo offerto si trasformi in puro assistenzialismo. pp.60, isbn 978-88-6857-035-4


Preziosa opera. Capolavori d’arte e tradizione orafa a Valenza

A cura di Domenico Maria Papa. Catalogo della mostra, Valenza, Villa Scalcabarozzi 14 dicembre 2014-25 gennaio 2015. pp. 224, isbn 978-88-6857-027-9

 


Una famiglia che cammina nell’amore. Dal 1939 le Sorelle della Carità

A cura di Sara Sturmhoevel. «Raccontare la storia della carità della Chiesa sarebbe come dipanare uno di quei grandi arazzi tessuti a fili d’oro. Uno di questi fili d’oro preziosissimo è la storia delle Sorelle della Carità. Scorrere il racconto di questa storia è ad un tempo memoria e atto di speranza: memoria, in quanto l’apertura al soffio delle Spirito genera il caleidoscopio dei diversi volti della carità, atto di speranza perché la valenza spirituale della carità genera sempre nuove figure che distillano la divina leggerezza della speranza. È bello dunque che questa pubblicazione ci faccia sfogliare le pagine di una storia gloriosa, a cui auguro ancora un futuro luminoso e creativo» (dalla introduzione del vescovo Franco Giulio Brambilla). pp. 128, euro 10, isbn 978-88-6857-014-9


Quaderni Borromaici. Saggi studi proposte 1 (2014)

Rivista dell’Associazione Alunni dell’Almo Collegio Borromeo di Pavia. «Nel 1580, [Federigo Borromeo] manifestò la risoluzione di dedicarsi al ministero ecclesiastico e ne prese l’abito dalle mani di quel suo cugino Carlo, che una fama, già fin d’allora antica e universale, predicava santo. Entrò poco dopo nel collegio fondato da questo in Pavia e che porta ancora il nome del loro casato; e lì, applicandosi assiduamente alle occupazioni che trovò prescritte, due altre ne assunse di sua volontà; e furono d’insegnar la dottrina cristiana ai più rozzi e derelitti del popolo, e di visitare, servire, consolare e soccorrere gl’infermi. Si valse dell’autorità che tutto gli conciliava in quel luogo, per attirare i suoi compagni a secondarlo in tali opere; e in ogni cosa onesta e profittevole esercitò come un primato d’esempio, un primato che le sue doti personali sarebbero forse bastate a procacciargli, se fosse anche stato l’infimo per condizione» (Alessandro Manzoni, I promessi sposi, XXII capitolo). pp. 176, isbn 978-88-6857-000-2


Raffaele Rubino, Colpo di testa. 20 anni di calcio per un capitano da record

Continuità, tenacia, destino. Sono queste le parole d’ordine per entrare nel mondo di Raffaele Rubino, capitano di lungo corso del Novara Calcio. Con la maglia azzurra ha solcato per 10 anni tutti i campi del calcio professionistico, lasciando il segno stagione dopo stagione. A furia di incornate, l’ariete di Bari, ma di adozione novarese, ha raggiunto un record storico: segnare con la stessa maglia in tutte le categorie professionistiche. Nella hall of fame del calcio italiano c’è spazio anche per un attaccante vecchia scuola; quella dei numeri 9 alla Boninsegna, Pruzzo, Toni. Un orgoglio per la città di Novara, un simbolo del calcio di provincia. Noicattaro, Bisceglie e Pro Sesto, fino alla serie B con Salernitana, Torino e Siena. Finalmente la serie A; un posto al sole dopo anni di pioggia, fango e polvere. Stagione dopo stagione, sfida dopo sfida. A una manciata di gol dal capocannoniere della storia del Novara. Alla soglia del mito, a pochi passi da Silvio Piola. pp. 180, isbn 978-88-8212-939-2
rubino

Castello di Masino. Catalogo della Biblioteca dello Scalone

A cura di Lucetta Levi Momigliano e Laura Tos. ECCO IL primo dei quattro volumi del Catalogo della Biblioteca dello Scalone del Castello di Masino. IL Ministero per i Beni Culturali e Ambientali, con Decreto del 28 maggio 1988, aveva definito la raccolta libraria custodita nel Castello Valperga di Masino «di eccezionale interesse artistico, storico, culturale», e l’aveva sottoposta a tutte le disposizioni di tutela stabilite dalla legge. A partire dal 1988, fu possibile iniziare la pulitura, il riordinamento e la catalogazione informatizzata di circa 25 000 volumi. La raccolta libraria è frutto di un collezionismo di alto livello rappresentato, sin dall’inizio del XVII secolo, dai personaggi più importanti della famiglia Valperga, sempre aggiornati sulla cultura scientifica e letteraria del loro tempo e in contatto con l’intellettualità della corte sabauda e delle altre corti europee. Il Catalogo è uno strumento importante per la diffusione della conoscenza delle memorie di una tra le più prestigiose famiglie aristocratiche subalpine e per l’approfondimento delle ricerche sulla storia del Piemonte. La schedatura dei singoli volumi è stata condotta dalla bibliotecaria del Castello che ha prestato attenzione ai singoli esemplari individuando ex libris, firme di possesso, dediche, e ogni possibile notazione utile a ripercorrere il filo delle collezioni, il gusto e la cultura dei singoli committenti. pp. 384, isbn 978-88-8212-789-3
castello masino

L’Italia ricorda il 23 marzo 1849

A cura di Paolo Cirri e Paolo Peluffo. La battaglia del 23 marzo 1849 alla Bicocca, l’unica battaglia campale che Radetzky rischiò di perdere, ebbe conseguenze senz’altro determinanti per l’evoluzione del Risorgimento. La sconfitta fece apprendere lezioni fondamentali: l’esigenza di rinsaldare le istituzioni dello Stato, di rafforzarne lo sviluppo economico e le basi finanziarie, di ristrutturare e rianimare l’esercito, di stabilire solidi rapporti con le principali potenze europee. Possiamo definire a pieno titolo gli eventi del marzo 1849 come la svolta del Risorgimento nazionale. Autori contemporanei e testimoni diretti dei fatti storici ripercorrono qui le fasi e gli aspetti della battaglia. Un’ampia sezione iconografica a colori illustra poi documenti e cimeli esposti in mostra al Broletto di Novara in occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia. pp. 160, isbn 978-88-8212-781-7.

italiaricorda

Maria Rosaria Perrella, Catalogo delle incisioni (1976-2009)

A cura di Paolo Bellini. La poetica di M.R. Perrella è uno degli aspetti che maggiormente caratterizza e contraddistingue gran parte della sua produzione incisoria e si sostanzia in un avvicendarsi di opere in cui di continuo rimbalzano ricordi e speranze, con temi che si addentrano nel passato e insieme si proiettano nel futuro. Nel 1990 ha ottenuto la cattedra di tecniche dell'incisione all'Accademia di Belle Arti di Macerata. Terminato quest'incarico nel 1995, l'anno seguente ha coperto lo stesso ruolo all'Accademia di Belle Arti di Frosinone. Dal 1997 ad oggi è docente di prima fascia di tecniche di incisione-grafica d'arte all'Accademia di Belle Arti di Napoli. pp. 208, isbn 978-88-8212-726-8
perrellaincisioni

Fabio Ferrari, Blue noise

Il giovane "domatore di stelle" con il quale avevamo fatto conoscenza in occasione dell'omonima raccolta d'esordio, selezionata al premio LericiPea nel 2002, non ha smesso di cercare di addomesticare la forza tanto brutale quanto ideale delle occasioni della vita, imperfette e terrene ma con la vocazione all'assoluto e al cielo. Fabio Ferrari è un poeta che si guarda intorno alla ricerca di se stesso perché il mondo è uno specchio in cui scoprirsi uno, nessuno e centomila: "io, senza patente alcuna di sopravvivenza, / attendo gli esiti di una stagione consacrata alla poesia / e sono solo in un bazar di cose che nessuno vuole più". pp. 56, isbn 978-88-8212-695-7

Filippo Rossi, Lucetta Scaraffia, Timothy Verdon , La salita a Cristo. Arte del Sacro Monte ieri e oggi

Edito in occasione dell'iniziativa "Imago Veritas" al Sacro Monte di Varallo a cura dell'associazione Sant'Anselmo di Milano. Escludere a priori i valori teologici di un'opera d'arte è una tendenza di molta critica contemporanea: questa negazione delle funzioni tradizionali di un'opera giunge non solo ad offuscarne il significato religioso, ma anche quello sociale. Ciò è ancor più vero per le opere d'arte sacra, di cui il Sacro Monte di Varallo è uno spettacolare esempio. Gli autori di questo saggio (tra i maggiori studiosi del problema: Filippo Rossi, Lucetta Scaraffia, Timothy Verdon) ci conducono attraverso la sua storia e le sue cappelle, alla riscoperta del significato spirituale che si cela all'interno di esse, perché: "le immagini costituiscono il patrimonio necessario per fondare la memoria culturale, che è un deposito al tempo stesso individuale e collettivo" (Lucetta Scaraffia). Edizione con inserto fotografico a colori. Pp. 112, isbn 978-88-8212-392-5

CLIC. Cultura e lingua d'Italia in CD-rom. Culture and Language of Italy on CD-rom.

Uno strumento multimediale bilingue (italiano-inglese) nuovo per leggere una storia antica e moderna. Con il cd-rom CLIC, allegato a un fascicolo introduttivo, è possibile percorrere contemporaneamente diversi filoni della storia della cultura italiana. Filo conduttore è la lingua in tutte le fasi della sua lunga e affascinante storia, prendendo in esame i contemporanei sviluppi della storia della società, dell'arte e del pensiero. Non è un solo itinerario ma sono molteplici percorsi che il lettore si costruirà tramite i moltissimi e suggestivi richiami e riferimenti che questo programma offre tra testo, immagini e video. CLIC è accessibile a tutti e permette, tramite pochi e semplici comandi, di entrare nella complessità della lingua e letteratura italiana lungo la storia. isbn 978-88-8212-637-7