!

Giulio Gallo, I miei Masai

Illustrazioni di Domenico Di Genni. Una lunga poesia in prosa che regala l'immagine nitida di una civiltà sconosciuta, un viaggio nell'Africa "vera" di una tribù Masai, in cui si scontrano stupore e pena, meraviglia e sofferenza, e insieme una condanna, implicita e per questo ancora più forte, agli sprechi, al consumismo e alla superficialità della civiltà europea. Un'esperienza dura e forte, in cui si sentirà il caldo torrido, l'odore intenso della terra, la paura dei leoni e dei serpenti, si camminerà nel fango e sotto la pioggia, e infine, più di tutto, si amerà l'Africa. pp. 160, isbn 978-88-8212-589-9

Renzo S. Crivelli, La regola di Trémaux

Renzo Crivelli, professore di letteratura inglese all'Università di Trieste e grande studioso di Joyce, nonché autore teatrale, esce invece con un romanzo a tinte gialle, La regola di Trémaux. Un bancario con la fissazione dell'ascesa sociale e dei labirinti diventa per un colpo di fortuna caporedattore del giornale cittadino e va alla ricerca dello scoop che gli consenta di diventare direttore del giornale. L'incontro con un'affascinante donna dell'alta borghesia e la scoperta di un meraviglioso labirinto lo porteranno faccia a faccia con il proprio destino. pp. 224, isbn 978-88-8212-627-8

Roberto Cattaneo, I favolosi anni trenta. Una cronaca della memoria

Roberto Cattaneo scrive i suoi ricordi oleggesi in I favolosi anni trenta, rivolgendosi a chi non li ha conosciuti (le nuove generazioni) e a chi invece vorrebbe ricordarli. Una cronaca e un'autobiografia, un quadro vero degli anni trenta. pp. 160, isbn 978-88-8212-611-7

Piero Barbè, Giornalista per caso. Memorie novaresi di un vecchio cronista

Presentazione di Lorenzo Del Boca. Piero Barbè racconta nei capitoli di questo libro la sua carriera di giornalista. Con complicità e simpatia descrive i suoi primi passi nel giornalismo, le sue sconfitte e le sue vittorie, i suoi incontri più singolari, i suoi servizi più interessanti. pp. 144, isbn 978-88-8212-612-4

Maria Adele Garavaglia, Grido silenzioso. Una storia di dignità riconquistata

Presentazione di Paola Turchelli. Romanzo di importante impegno sociale che fa seguito ad Aurora e le altre, Maria Adele Garavaglia racconta le storie vere di quattro ragazze africane che, illuse dalle false promesse di amici e conoscenti, finiscono nel giro della prostituzione in Italia. Le ragazze, mandate a lavorare a Novara, avranno il coraggio di denunciare i loro sfruttatori. pp. 144, isbn 978-88-8212-626-1

Maria Adele Garavaglia, Il taglio del riso e altri racconti di pianura

Presentazione di Sergio Vedovato e Silvana Ferrara. Sono storie di luoghi e di persone, di una civiltà, di una cultura che in queste pagine la penna di Maria Adele Garavaglia descrive con garbo ed efficacia quasi pittorica.
Ora le nostre campagne sono più silenziose, le cascine in parte disabitate poste tra le risaie come baluardo di un passato che si è trasformato. Contro una memoria che incomincia a svanire è necessario ricucirne i fili e l'autrice incomincia quest'opera di ricostruzione delineando i caratteri dei personaggi, figure schive e silenziose ma ricche di quell'umanità che ci fa sperare che la risaia, paesaggio dell'anima di tante generazioni, continui ad essere patrimonio di tutti (dalla Presentazione di Sergio Vedovato e Silvana Ferrara). pp. 84, isbn 978-88-8212-647-6
ESAURITO

Sopra il tavolo della cucina. Donne che intrecciano storie

A cura di Rossella Köhler e Vilma Gervasoni. Sopra il tavolo della cucina - Donne che intrecciano storie è una raccolta di interviste fatte da donne ad altre donne, in un rapporto intimo, di affetto e confidenza. Donne del Verbano e donne arrivate da varie parti del mondo raccontano le loro vite. Narrano vicende che credevano solo proprie che hanno invece un valore universale. Questo libro collettivo conduce il lettore a conoscere realtà molto vicine, dentro le case del nostro territorio, e lontane, in culture e Paesi differenti, per molti quasi sconosciuti. Ogni storia è un mondo. Tutte insieme costruiscono, sullo sfondo del lago Maggiore, un affresco dalle figure varie e colorate, talvolta dolorose, sempre vive, limpide, sincere. pp. 160, isbn 978-88-8212-669-8

Germano Zaccheo, Tutto è grazia. Tra memoria, bellezza e fede. Una raccolta di scritti

A cura di Roberto Cicala e Dorino Tuniz. Una raccolta di scritti di Germano Zaccheo: dalla ricerca di "segni" del Vangelo nella bellezza delle opere d'arte, alle lettere pastorali, alle omelie tenute in occasione delle grandi feste cristiane, alle riflessione sui pellegrinaggi e su grandi personaggi, come Bernadette, Rosmini, Rebora e Bernanos. "Don Germano Zaccheo era uomo capace di meravigliarsi ed entusiasmarsi con l'animo di un fanciullo di fronte alle bellezze donate dal Creatore e dall'arte degli uomini. Ha sempre inteso l'arte come espressione della bellezza di Dio e come uno dei più efficaci mezzi di comunicazione della fede. Il suo grande insegnamento è stato quello di una trasmissione della cultura finalizzata a testimoniare Cristo" (dalla presentazione di Dorino Tuniz). pp. 224, isbn 978-88-8212-666-7

Dante Graziosi, La fiera di Novara e altre storie della memoria. Un'antologia

Con tavole di Sergio Bonfantini, presentazione di Roberto Cicala. Per la prima volta un'antologia di alcuni dei migliori racconti di Dante Graziosi, il cantore della Terra degli aironi da lui attraversata sulla sua Topolino amaranto come medico veterinario e poi parlamentare. I suoi libri rievocano un mondo contadino a lui caro che ormai non esiste più, ma di cui è importante mantenere la memoria, soprattutto per le nuove generazioni. Queste pagine letterarie ci aiutano a riscoprire i paesaggi della pianura novarese e le tradizioni all'ombra della Cupola, tra storia e arte, tra città e risaie. Edizione illustrata con opere del pittore Sergio Bonfantini. Pp. 160, isbn 978-88-8212-671-1

Esercizi di stile con l'H davanti. Superare con il linguaggio le barriere della disabilità

A cura di Giovanni Moreddu. Si possono superare le barriere della disabilità con il linguaggio. Lo dimostra questo libro, che nasce da un innovativo laboratorio di scrittura creativa, per giovani diversamente abili, proposto dall'Anffas. L'ispirazione viene dagli "esercizi di stile" di Queneau, ma questa volta "con l'H davanti", cioè offrendo a giovani portatori di handicap gli strumenti per inoltrarsi nel mondo della parola scritta. Infatti a loro è data la possibilità di diventare lettori evoluti e scrittori consapevoli grazie all'elaborazione di una storia e al lavoro su differenti stili narrativi. Perché, come ha scritto una volta Sebastiano Vassalli, "la poesia è vita che rimane impigliata in una trama di parole. Vita che vive al di fuori di un corpo". Pp. 72, isbn 978-88-8212-694-0