Il tuo browser non supporta JavaScript!

Percorso 14: Guerre mondiali

La guerra da sempre è un tema centrale nella vita degli uomini. È un’esperienza dolorosa e mostruosa che necessita di essere raccontata e spiegata attraverso il ricordo, la ricerca storica, il romanzo e la poesia. La penna degli autori traccia un sentiero che ripercorre i sentimenti e i fatti storici che coinvolsero loro stessi e il mondo intero in quell’abisso di orrore che è la lotta tra gli uomini.

Raccontare la guerra in varie sfumature

Il catalogo di Interlinea propone più di un percorso dedicato al tema della guerra (vedi anche La Grande Guerra e Pagine di Resistenza) offrendo così una panoramica variegata e che attraversa i vari generi letterari occupando una fetta importante del catalogo della casa editrice.
Tra le novità in uscita segnaliamo la nuova edizione de L’oro del mondo di Sebastiano Vassalli, che narra la storia del dopoguerra quando gran parte della popolazione nel Nord Italia soffre la fame, oppure il romanzo di Laura Pariani Piero alla guerra che si snoda su tre diversi conflitti condannandone l'insensatezza. Per la saggistica invece Walter Fochesato descrive l'immagine dell'infanzia come strumento di propaganda bellica concentrandosi sul primo conflitto mondiale fra cartoline, locandine e depliant. E non può mancare una nuova uscita di poesia, con Giuseppe Langella che riscopre nei piccoli oggetti quotidiani della trincea il non senso della guerra.
Fra i classici ricordiamo Clemente Rebora in Tra melma e sangue. Lettere e poesie di guerra, che indaga il profondo orrore della prima guerra mondiale («Però se ritorni / Tu uomo, di guerra / A chi ignora non dire; / Non dire la cosa, ove l'uomo / e la vita si intendono ancora»). Si arriva così alla raccolta di racconti e liriche di Mary Borden La zona proibita, che dà un’interessante visione della guerra dal punto di vista femminile, ricordando la sua esperienza negli ospedali da campo («quest’uomo era comparso all’orizzonte da solo, un gigante rosso, trasportato privo di sensi nel pomeriggio estivo in una Ford scassata, e depositato come un ceppo davanti alla nostra porta, solitario protagonista di un qualche oscuro incidente a battaglia finita»). Fra gli studi sulla Grande Guerra ricordiamo anche «Nessuno potrà tenersi in disparte». La Grande Guerra: memoria, territorio, documentazione a cura di Adolfo Mignemi, senza dimenticare infine le testimonianze di Giovannino Guareschi in La favola di Natale e Roberto Denti in Un Natale in prigione. Ricordo di guerra, che raccontano la loro intima storia di prigionia, e il libro adatto ai più piccoli di Sebastiano Ruiz Mignone Occhichiusi.

L'oro del mondo

di Sebastiano Vassalli

editore: Interlinea

pagine: 208

"Viviamo per quelle poche pagliuzze di felicità che rimangono in fondo alla memoria come l'oro sul fondo della bàtea"

Piero alla guerra

di Laura Pariani

editore: Interlinea

pagine: 96

Rievocando Fabrizio De Andrè, che cantava la follia dell'odio nella sua ballata La guerra di Piero, Laura Pariani narra storie che s'incrociano lungo tre conflitti

Il gioco della guerra

L'infanzia nelle cartoline del primo conflitto mondiale

di Walter Fochesato

editore: Interlinea

pagine: 160

L'immagine dell'infanzia nella comunicazione visiva al tempo della prima guerra mondiale è un tema finora poco sondato e discusso.

Reliquiario della grande tribolazione

Via crucis in tempo di guerra

di Giuseppe Langella

editore: Interlinea

pagine: 48

Scarpe logore, scatolette arrugginite, lamiere ritorte, brandelli di stoffa, chiodi, pezzi di legno: «di tanti alpini, delle loro gesta, / è tutto quel che resta»

Tra melma e sangue

Lettere e poesie di guerra

di Clemente Rebora

editore: Interlinea

pagine: 240

Presentazione di Giovanni Tesio. Uno dei maggiori poeti del Novecento testimonia la crisi drammatica della prima guerra mondiale

La zona proibita

di Mary Borden

editore: Interlinea

pagine: 216

Durante la Grande Guerra, la "zona proibita" era la striscia di terra immediatamente a ridosso della prima linea

Trincee di carta

Lettere di soldati della Prima guerra mondiale al parroco di Fara Novarese

di Carlo Stiaccini

editore: Interlinea

pagine: 222

«Nessuno potrà tenersi in disparte»

La grande guerra: memoria, territorio, documentazione

a cura di Adolfo Mignemi

editore: Interlinea

pagine: 352

«Siamo alla vigilia di una quasi inevitabile conflagrazione generale europea, dalla quale nessuno potrà tenersi in disparte»: queste parole, tratte da una lettera che Riccardo Bollati, ambasciatore italiano a Berlino, scrive nel 1914, aprono idealmente gli atti del convegno sulla prima guerra mondiale tenutosi a Novara il 24 ottobre 2008, a novant’anni dalla conclusione del conflitto. Nel corso del convegno si è cercato di analizzare i diversi aspetti di cambiamento introdotti dalla realtà della guerra sulla società ad essa contemporanea, e di analizzarne le conseguenze. Chiude gli atti un’appendice contenente una panoramica degli eventi organizzati a Novara in occasione della ricorrenza e due sezioni iconografiche riservate alle mostre allestite al Museo Aldo Rossini, dedicate al contributo sociale e militare dei novaresi nel corso della Grande Guerra e alle opere d’arte conservate in alcune collezioni d’arte di Novara.

Un Natale in prigione

Ricordi di guerra

di Roberto Denti

editore: Interlinea

pagine: 48

Nel dicembre del 1944 Roberto Denti (uno dei più famosi librai italiani ma anche apprezzato scrittore per ragazzi) si trova nelle carceri di Cremona. Lì, ventenne, fa esperienza di umanità e ha tempo per letture nuove e formative, ma soprattutto è testimone di un fatto straordinario che fino a oggi non aveva voluto raccontare: lo fa ora con la semplicità della memoria, senza artifici retorici: «Ancora adesso mi sento coinvolto – non colpevole – in un fatto che si è svolto in tempo di guerra e che resta sempre un’incredibile storia d’amore».

Prigione di trincee

Memoriale inedito della Grande Guerra

di Giuseppe Cuzzoni

editore: Interlinea

pagine: 164

Questo libro riporta alla luce un documento di eccezionale valore per la vita quotidiana durante la prima guerra mondiale

La favola di Natale

di Giovanni Guareschi

editore: Interlinea

pagine: 80

Una storia piena di commozione con infiniti riferimenti alla realtà. Scritta dal grande autore emiliano nel dicembre 1944, durante la prigionia nel lager di Sandbostel, fu letta agli altri prigionieri in una baracca-teatro la sera della vigilia di Natale da un giovanissimo Gianrico Tedeschi, accompagnato alla fisarmonica da Arturo Coppola. La prima edizione uscì nel dopoguerra, nel 1945, con le illustrazioni dell'autore.

Occhichiusi

di Sebastiano Ruiz Mignone

editore: Interlinea

pagine: 32

Belloforte è un bambino bellissimo, il più bello del paese. Ma è anche molto triste, e spesso si trova a giocare da solo. Ma la sua mamma, un giorno, gli insegna un gioco meraviglioso: basta chiudere gli occhi e pronunciare una frase magica per diventare invisibile...

Fummo soldati d'Italia

Monumenti ai caduti delle province di Novara e Verbania

di Mario Balossini e Emiliana Mongiat

editore: Interlinea

pagine: 128

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.