ARCHIVIO NOTIZIARIO

N. 1

N. 2

N. 3

N. 4

N. 5

N. 6

N. 7

N. 8 N. 8 bis  
 
  N. 9 N. 10 N. 11

N.12

N.12 bis N.13 N.13 bis N.14  
 

 

Si allarga il Club di amici che amano leggere... e risparmiare
Il Club amici di interlinea riunisce i più fedeli lettori della nostra casa editrice, ai quali vengono riconosciuti alcuni benefici, primo tra tutti lo sconto del 20% su tutte le pubblicazioni del catalogo, insieme agli altri vantaggi che ricordiamo sotto.
Come si diventa soci del Club amici di interlinea? L’associazione avviene automaticamente con un acquisto di libri per almeno 75 000 lire, già comprensive dello sconto del 20%. Per il rinnovo dell’iscrizione è necessario acquistare libri per almeno 50 000 lire in un anno.
Essere soci del Club amici di interlinea dà diritto a:

 
ricevere la tessera Club per il 2001
sconto del 20% su tutte le pubblicazioni del catalogo Interlinea acquistate direttamente
omaggio librario di “benvenuto nel club”
il notiziario di Interlinea, con informazioni periodiche di cultura, iniziative e novità editoriali
agevolazioni su iniziative di Interlinea (presentazioni, partecipazioni a fiere, concorsi…)
una serie di sconti su prodotti e servizi di attività consorziate al Club (il tutto verrà segnalato sul notiziario)
servizio di numero verde per prenotazioni
ricevere i propri volumi a domicilio con un contributo fisso di sole 2500 lire per le spese postali.
 

L’idea di creare questo Club vuole essere, da un lato, una concreta iniziativa da parte della nostra casa editrice per essere ancora più vicina ai suoi più fedeli lettori, dall’altro l’inaugurazione di un canale di contatto diretto editore-lettore, per facilitare una migliore conoscenza reciproca che possa avere delle ricadute positive per entrambi. Sia per il lettore, dandogli la possibilità di farsi concretamente sentire con i propri suggerimenti, per noi sempre preziosi; sia per l’editore, che ha la possibilità di sapere come i suoi prodotti vengano recepiti direttamente dai lettori, al di là dei riscontri della critica e delle recensioni.

Per ogni chiarimento è a completa disposizione dei lettori la segreteria del Club al numero telefonico 0321 612571 o al numero verde 800 018653.
 

   Torna al sommario
   
Basta un clic per ordinare un libro (www.interlinea.com)
 

La parola dal sapore antico racchiusa nelle pagine dei libri trova oggi sempre più nuove strade per la propria diffusione. Ormai non è più una sorpresa scoprire quanto i nuovi mezzi della tecnologia aiutino la circolazione dei libri. Anche Interlinea, che da diversi anni ha attivato un proprio sito Internet, dallo scorso anno ha messo a disposizione dei “navigatori” una vera e propria libreria on line. Collegandosi alle pagine del sito di Interlinea, all’indirizzo www.interlinea.com, i lettori potranno accedere al “bookshop” ed acquistare con un semplice click i titoli del catalogo Interlinea. Semplici e chiare le modalità di acquisto, di consegna e di pagamento. Rapidi i tempi di invio da parte del nostro magazzino. Per gli amici di Interlinea un’opportunità in più per arricchire la propria biblioteca con tutte le novità della nostra casa editrice.
 

   Torna al sommario
 
"Quando abbaiava la volpe": Mazzi fa rivivere le tradizioni
 

Quando nelle vallate alpine e nelle campagne imperava solenne la miseria anche le volpi affamate si spingevano alle porte dei paesi e "abbaiavano" come cani.
È un'immagine intensa, che ricorda pagine del grande Rigoni Stern, quella ripresa da Benito Mazzi nel titolo del suo nuovo libro, Quando abbaiava la volpe (sottotitolato: Un secolo di vita alpina nel racconto dei protagonisti), una delle novità 2001 della collana "Nativitas" di Interlinea.
Un libro di memoria corale: quaranta persone di età compresa tra i 94 e i 37 anni rivivono i loro Natali lontani. Scorrono così, in sequenze quasi filmiche, accanto agli aneddoti divertenti o di un toccante candore, le nubi plumbee della guerra e della fame, della morte e del dolore, della solitudine e dello sfruttamento, del dramma e dell'abbandono. Squarciate, a fatica, dai raggi della speranza e della fede. Un ritratto a tutto tondo dell'incrollabile tenacia della gente di montagna.
Quando abbaiava la volpe é un libro che parla di montagna alla gente di montagna e a tutti: tra momenti divertenti ed episodi tragici, la memoria dei personaggi "raccontati" da Mazzi si fa letteratura.
Benito Mazzi, nato in Val d'Ossola, è uno dei migliori scrittori italiani di vicende legate alla montagna, alla sua gente e alle sue tradizioni.
Per Interlinea ha pubblicato - tra gli altri - Nel sole zingaro, romanzo dedicato al mondo dei contrabbandieri, finalista al premio Strega nel 1995, e Un uomo che conta, secondo classificato al Bancarella sport nel 1999. Tra i suoi libri va ricordato anche Almeno questanno fammi promosso scritto con Gaetano Afeltra (Rizzoli).
Qui Mazzi tocca il vertice della sua capacità di rendersi interprete di un mondo spesso percepito come chiuso e ostile, ma al contrario denso di sentimenti, di relazioni, di storia e di tradizione.
È la montagna che parla attraverso la penna di Mazzi e i ricordi dei suoi protagonisti, tutti veri, tutti viventi, tutti interpreti di un romanzo-realtà tra i più interessanti degli ultimi anni.
Di grande interesse anche le immagini inedite d'epoca raccolte nel libro, che, insieme ai testi, compongono un mosaico che appassionerà i lettori di ogni età.

Benito Mazzi, Quando abbaiava la volpe, pp. 192, lire 25 000, euro 12,91.
 

   Torna al sommario
   
Se il censimento si fa romanzo
 

In occasione del censimento Istat 2001 torna in libreria nella collana "Biblioteca di Narrativa" un romanzo che racconta la storia di un addetto alle rilevazioni, venuto a Roma da un piccolo paese contadino. Quasi un diario nel cui fondo sobbollono problemi come disoccupazione, emigrazione, solitudine della metropoli, incomprensioni tra padri e figli, corruzione e droga. Un campionario di umanità nell'Italia degli anni sessanta e di oggi.
Il libro è Una cartella piena di fogli, di Alessandro Petruccelli. Nato in provincia di Latina nel 1936, insegnante di lettere, ha pubblicato una prima edizione del romanzo presso Editori Riuniti e ha vinto i premi Rapallo e Monza con il precedente romanzo Un giovane di campagna.
Il romanzo, che è arricchito da una interessante presentazione di Geno Pampaloni, riveste un particolare interesse per l'attualità del censimento appena svoltosi in Italia, e per lo sguardo tra lo stupito e il disincantato con il quale l'autore osserva la realtà in trasformazione del nostro paese.

Alessandro Petruccelli, Una cartella piena di fogli, presentazione di Geno Pampaloni, pp. 160, lire 25 000, euro 12,91.
 

   Torna al sommario
   
Il premio "Storia di Natale" a Cecco Mariniello
 

La giuria del premio "Storia di Natale" 2001 ha selezionato tra gli oltre 100 testi pervenuti da ogni parte d'Italia, opera di scrittori noti ed esordienti, il vincitore del concorso promosso dalla casa editrice Interlinea. Il testo (corredato di disegni) che si è aggiudicato l'edizione 2001 del Premio è Come Caterina salvò Babbo Natale di Cecco Mariniello, fiorentino, molto noto soprattutto come illustratore, ma già affermato anche come autore di testi. Il testo vincitore è in uscita nella collana "Le rane".

Di seguito pubblichiamo il testo del bando per il concorso 2002.

1. La Fondazione Marazza e Interlinea Junior di Novara, con il patrocinio della Regione Piemonte e della Provincia di Novara, organizzano il Premio di letteratura per l'infanzia “Storia di Natale” per un racconto ispirato al Natale.

2. La partecipazione al Premio è gratuita e aperta a tutti, senza limiti d’età.

3. Le opere dovranno essere originali, frutto di elaborazione personale.

4. La lunghezza dei testi non dovrà superare le 15 pagine dattiloscritte (ogni pagina di circa 30 righe, per un totale non superiore alle 30 000 battute).

5. Ogni autore è responsabile di quanto forma oggetto della propria opera e, salvo espresso divieto scritto, si intende autorizzata la pubblicazione.

6. Gli elaborati andranno consegnati o spediti per posta o via Internet a: Segreteria Premio “Storia di Natale”, via Pietro Micca 24, 28100 Novara, e-mail: edizioni@interlinea.com, indicando le generalità dell’autore, con indirizzo e data di nascita.

7. Gli elaborati pervenuti non saranno restituiti. Si consiglia perciò di conservarne una copia.

8. Gli organizzatori, pur assicurando la massima cura nella conservazione delle opere, declinano ogni responsabilità per smarrimenti, furti o danni di qualsiasi genere che potessero verificarsi prima, durante o dopo la manifestazione.

9. Il termine ultimo per l’invio delle opere è il 30 giugno 2002 (farà fede la data del timbro postale).

10. La scelta del testo vincitore del premio sarà di competenza esclusiva della giuria, il cui giudizio sarà insindacabile.

11. La commissione che giudicherà i testi pervenuti è composta da scrittori, critici, giornalisti e rappresentanti degli enti promotori.

12. I risultati saranno comunicati per lettera e la premiazione avverrà durante una manifestazione pubblica alla quale saranno invitati tutti i partecipanti.

13. Il premio consisterà nella pubblicazione del testo scelto dalla giuria.

14. La pubblicazione dell’opera vincitrice avverrà entro il Natale 2002 a cura di Interlinea nella collana "Le rane".

15. Al Premio letterario “Storia di Natale” è legato il concorso “Cercasi Storia di Natale”, riservato agli alunni della scuola dell’obbligo (elementari e medie inferiori), per il quale viene pubblicato un apposito bando.

Segreteria premio "Storia di natale", via Pietro Micca 24, 28100 Novara, tel. 0321 612571

   
  Indietro  
    
   Torna al sommario

Inizio pagina