I libri Interlinea per chi non vede
Per non vedenti e ipovedenti volumi con file su cd allegato

Un progetto per la promozione alla lettura delle fasce più deboli
con l'Istituto Cavazza e l'Associazione Scrittori di Bologna

La casa editrice Interlinea di Novara avvia un progetto per favorire la lettura di chi non vede, in collaborazione con l’Istituto Cavazza di Bologna e con l’Associazione Scrittori di Bologna. Come si legge nell’“Appello per il diritto alla lettura” promosso da questi enti, «Le persone non vedenti, infatti, risultano ancora oggi impedite o gravemente ostacolate nel libero e pieno esercizio di questo diritto soggettivo, a causa della loro impossibilità di vedere direttamente la parola scritta. La parola di carta è oggi quasi sempre figlia diretta della parola digitale, generata da un processo di stampa che trae origine da un file leggibile e utilizzabile su un comune personal computer. Grazie a quel file per i non vedenti si possono finalmente rimuovere gli ostacoli che pregiudicano l'accesso alla lettura indipendente, poiché la parola digitale può essere letta con voce sintetizzata o commutata in forma tattile e codificata nel sistema braille».
L’iniziativa di Interlinea offre ai lettori non vedenti e ipovedenti che ne fanno richiesta (producendo la documentazione che comprova la minorazione visiva a norma di legge) la versione digitale della maggioranza delle opere del proprio catalogo.
I file, che vengono forniti su dischetto o e-mail in formato accessibile (.doc, .txt o .pdf) adatto ai programmi di sintesi e lettura vocale, possono essere acquistati direttamente presso l’editore unitamente al libro cartaceo, senza l’applicazione di alcun sovrapprezzo. Si tratta perciò di un’azione a carico dell’editore, che s’impegna però a segnalare quali opere presentano problemi di lettura nel formato di solo testo digitale a causa della presenza di immagini, grafici o tabelle la cui visione è determinante per la comprensione del testo. Tali opere (scientifiche o d’arte) non sono infatti completamente fruibili da parte dei minorati della vista ed è una forma di correttezza offrire al potenziale lettore tutti gli elementi per decidere o meno l’acquisto.

È possibile effettuare l’acquisto dei “libri Interlinea per chi non vede” tramite un semplice ordine telefonico (0321 612571) o e-mail (ordini@interlinea.com; www.interlinea.com).

Istituto F. Cavazza

Leggi l’“Appello per il diritto alla lettura” e sottoscrivili anche tu.

 Come leggono e scrivono le persone non vedenti

Un po’ di storia

A finger running over a line of braille printFin dalla seconda metà del sedicesimo secolo si ha notizia di tentativi di escogitare un sistema che consentisse ai ciechi di leggere e scrivere. Il primo tentativo sistematico di uso di un alfabeto tattile si ebbe a Parigi verso il 1780 quando Valentin Haouy mise a punto un metodo per tracciare lettere in rilievo su fogli di cartoncino, servendosi di una penna che aveva come punta una rotellina dentellata. William Moon, nel 1845 ideò un sistema di lettura tattile basato sulla rappresentazione in rilievo delle normali lettere dell’alfabeto, ma modificate e semplificate per consentirne una migliore percezione. In pratica, otto lettere rimanevano identiche; quattordici risultavano parzialmente modificate, mentre cinque erano totalmente ridisegnate.

Il vero precursore dell’alfabeto Braille fu Charles Barbier, un capitano di artiglieria dell’esercito napoleonico il quale intuì che il tatto percepisce molto meglio i punti piuttosto che le linee. Egli realizzò un sistema chiamato “scrittura notturna” che doveva servire per comunicazioni cifrate e segrete tra i militari. Il sistema si diffuse invece tra i ragazzi ciechi dell’istituto di Parigi, frequentato all’epoca anche da Louis Braille, il quale seppe modellare l’alfabeto di Barbier alle capacità del tatto, basandosi soprattutto sulla propria esperienza diretta. Eliminò tutti gli inconvenienti del vecchio metodo, ridusse le dimensioni delle lettere, definì un ordine logico-sistematico, dando così vita al famoso metodo Braille, basato su sei puntini, così come è arrivato fino a noi.
Il primo libro in Braille fu pubblicato a Parigi nel 1829 e aprì a migliaia e migliaia di persone nel mondo la via dell’istruzione e dell’integrazione sociale. Le diverse combinazioni possibili dei sei puntini che formano il singolo carattere Braille sono sessantatré (più il carattere vuoto) e con questi segni Louis Braille costruì un sistema completo per l’alfabeto, la punteggiatura, la matematica e la notazione musicale.
Con l’avvento del computer e dell’informatica sono stati realizzati nuovi strumenti elettronici di lettura, i display Braille per pc che usano un sistema esteso a otto punti al posto dei tradizionali segni a sei punti e che hanno affiancato i vecchi strumenti come la tavoletta e il punteruolo e la dattilobraille.

 

L’uso del computer per i non vedenti: i tre metodi
Anche le persone non vedenti e ipovedenti oggi fanno largo uso del computer. Per scrivere si servono solitamente della normale tastiera che risulta di semplice impiego. Si ricordi infatti che la macchina da scrivere, regina dell’ufficio per decenni in tutto il mondo, è stata inventata da una persona non vedente, Foucalut, coetaneo di Louis Braille. Per leggere invece, si ricorre a uno dei seguenti metodi:

display Braille;

sintesi vocale;

ingranditore di testo.

Il display Braille viene adoperato soprattutto da persone non vedenti che hanno avuto modo di imparare il Braille da giovani, i quali si servono, a volte, anche della stampante Braille per produrre testi su carta.

La sintesi vocale viene impiegata dalla maggioranza dei ciechi, i quali purtroppo non sono in grado di usare il Braille, soprattutto perché hanno perduto la vista in età adulta.

L’ingranditore di testo serve alle persone ipovedenti che riescono così a utilizzare il proprio residuo visivo, per quanto scarso, grazie alla possibilità di leggere i caratteri in modo ingrandito.

 

Fernando Torrente
Istituto Cavazza di Bologna
partner del progetto “Libri per chi non legge”
della casa editrice Interlinea con l’Associazione Scrittori di Bologna

 
   
   Torna

Inizio pagina 

  Home page