Il tuo browser non supporta JavaScript!

Il nostro sangue è gratis, si può spargere

Recensione di: Nell’abisso del lager
27.01.2019
Da "Il Manifesto", Massimo Raffaeli su Nell'abisso del lager a cura di Giovanni Tesio

«Levoci sono decine, la selezione antologica è necessariamente rapida ma nel complesso appare equilibrata,
equanime. Presenti tutte o quasi le voci canoniche, fra i testimoni o i contemporanei della Shoah, è notevole l'inclusione di certe altre fisionomie più defilate o poco conosciute: fra gli italiani, per esempio, Lodovico Belgiojoso e, sia pure per due soli brevissimi testi, Bruno Vasari, cui Primo Levi dedicò, cifrandone il nome, Il superstite che è l'eponima tra le poesie di Ad ora incerta».

Nell’abisso del lager

Voci poetiche sulla Shoah. Un’antologia

a cura di Giovanni Tesio

editore: Interlinea

pagine: 296

Riscoprire le voci poetiche più intense della Shoah, per la prima volta qui riunite in un’antologia internazionale

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.