Il tuo browser non supporta JavaScript!

Le buone maniere di una volta tra galateo ed etichetta

Recensione di: Le leggi della cortesia
20.12.2018
Dal "Corriere del Ticino", Giorgio Thoeni su "Le leggi della cortesia" a cura di Annick Paternoster e Francesca Saltamacchia
«Viviamo in un'epoca in cui è più facile far brutta figura urlando sulle piattaforme social (come scrivere tutto in maiuscolo) che mettersi le dita nel naso a tavola. Ben venga allora una rispolverata delle buone maniere, anche se da un profilo storico-letterario».

Le leggi della cortesia

Galateo ed etichetta di fine Ottocento: un’antologia

a cura di Annick Paternoster, Stefano Prandi, Francesca Saltamacchia

editore: Interlinea

pagine: 160

Le regole del bon ton cambiano ma sono ancora oggetto di discussione e mode. Con l’avvento della borghesia in Europa nel XIX secolo, la nuova classe dirigente vuole promuovere un codice comportamentale che la rispecchi. Si pubblicano quindi numerosi galatei, rivolti a un pubblico di fanciulli e adolescenti e d’altra parte vedono la luce i cosiddetti libri di etichetta, dedicati alla figura della signora, dal tono più coinvolgente e spesso ironico. Proprio da questi galatei sono tratti la maggior parte dei brani raccolti in questa divertente antologia: basti l’esempio della celebre Gente per bene della Marchesa Colombi, ancora contemporaneo e godibilissimo nella lettura.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.