Il tuo browser non supporta JavaScript!

Le fabbriche della vittoria

Recensione di: Industriarsi per vincere
29.10.2018
Da "Il Giorno - Milano", Guido Bandera su "Industriarsi per vincere"
«L'eroismo del fante, il fango della trincea, la resistenza sul Piave e la rivincita dopo il tracollo di Caporetto. Il ricordo, a cento anni dalla vittoria della Grande Guerra, si affida alla tradizione diventata immaginario comune. Ma dietro i battaglioni in grigioverde che al grido di "Savoia" assaltavano i resti "senza speranza" dell'armata austroungarica, c'è un altro esercito. Quello del lavoro.
Migliaia di operai delle fabbriche, quasi tutte al Nord, moltissime in Lombardia, che con enormi difficoltà di approvvigionamento, nelle ristrettezze dell'economia bellica, hanno assicurato alle divisioni condotte al fronte da Cadorna e Diaz proiettili, fucili, cannoni, obici da montagna e autocarri, e alla Regia Marina motori per navi e motoscafi. Ma soprattutto migliaia di tonnellate di acciaio, viveri, abiti, scarpe, coperte, razioni di alcolici. Tutto quello che serviva a garantire la sussistenza a poco meno di un milione di baionette. Su questa competizione per la sopravvivenza, sulle storie, volti e nomi di questo sforzo epico, si concentra la ricerca di Andrea Pozzetta, che ha cercato documenti e immagini sepolti in decine di archivi d'azienda, da cui sono emersi numeri, vicende e immagini inedite, raccolte in una pubblicazione "con straordinario materiale", come lo definisce lo storico Alessandro Barbero nella sua prefazione, che racconta
la trasformazione imprevista di una nazione povera»

Industriarsi per vincere

Le imprese e la Grande Guerra

a cura di Alessandro Barbero, Andrea Pozzetta

editore: Interlinea

pagine: 208

Borracce, gavette, panni di lana e carne in scatola, munizioni, automezzi, vanghe e piccozze. La prima guerra mondiale è stata anche uno straordinario sforzo tecnico e produttivo che ha visto impegnate officine, manifatture, grandi e piccole aziende in una mobilitazione industriale senza precedenti. Attraverso documenti, immagini, cartoline e fotografie storiche, l’edizione del volume Industriarsi per vincere ripercorre il ruolo delle aziende italiane di fronte all’emergenza bellica, in un inedito sguardo sul “fronte interno” in grado di raccontare la quotidianità del conflitto. Un’opera antologica interamente dedicata a oggetti e strumenti divenuti veri e propri simboli degli italiani in guerra, su cui si è costruita l’identità collettiva di generazioni di soldati. Un libro fondamentale che ci racconta come la Grande Guerra fu una fase di grandi trasformazioni da cui discese la nostra idea di “modernità”.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.