Il tuo browser non supporta JavaScript!

Vostro onore, i miei versi chiedono giustizia

Recensione di: Tempo riflesso
22.04.2018
Da "La Lettura - Corriere della Sera", Roberto Galaverni, su Tempo riflesso di Corrado Benigni

«È infatti un poeta di natura ossessiva, di costrizione, Benigni (viene da chiedersi se ne esistano davvero di diversi). Vive e attraversa come tutti la propria vita, ma guardandola invariabilmente attraverso il filtro di un'unica, capitale domanda: "Ma a quale appello rispondono/ le cose che non riesco a nominare?".
La questione riguarda dunque la realtà, le "cose", appunto, ma è chiaro fin da subito come non si possa distinguerla da un'interrogazione che coinvolge la scrittura stessa, e così il peso, la plausibilità, il rischio delle
parole. E infatti: "In nome di che cosa scriviamo/ e cerchiamo nella parola una scintilla?"»

Tempo riflesso

di Corrado Benigni

editore: Interlinea

Corrado Benigni riflette sul tempo delle nostre esistenze, quasi un «rarefarsi in forma di persone», in questo libro che è un tentativo di sottrarsi al flusso della vita e quindi di condensare il tempo

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.