Maurizio Noris
Resistènse
presentazione di Franca Grisoni

Interlinea, pp. 144, euro 14
“Edizioni di poesia a tiratura limitata”
isbn 978-88-6857-082-8

 

Avvezzo a condividere l’abitare nella natura di animali, vegetali e minerali, con i venti, il mare, le acque, angeli e persone a cui dà voce, in un gioco di metamorfosi Maurizio Noris esorta a praticare alcune forme di Resistènse nella realtà quotidiana del mondo. Ovvero suggerisce di vivere senza “paura”. Con un linguaggio talvolta crudo ed enigmatico, che si presta a ipotesi interpretative diverse per l’abbondanza di simboli e di similitudini, Noris afferma che ciò che occorre per resistere in una vita che abbia davvero significato è un alto desiderio di vita. Per resistere in questo mondo di guerre, di ingiustizie, di disorientamento sociale e di sofferenze collettive e individuali bisogna alimentare la «Speranza tra noi». Per questo occorre cucire «storie insieme», ed è così che ogni volto, nome o mestiere, diventa una storia, ed ogni storia è un mondo (quello della cinese, quello del mezzadro e dell’ombrellaio, del fabbro e del giardiniere…) e la loro storia di resistenze e di vacillamenti diventa la nostra.

 L'AUTORE

Maurizio Noris è nato ad Albino (Bg) nel 1957. Scrive poesie nel dialetto bergamasco della media Valle Seriana. Nel gennaio 2001 pubblica la raccolta Santì (Tera Mata, Bergamo), libro artigiano di poesie dialettali con l’artista grafico Ivano Castelli. è del 2008 la raccolta Dialet De Nòcc D’amùr (Cofine Roma, premio Città di Ischitella). Nel 2009 presenta la plaquette Us de ruch con introduzione di Alberto Belotti (Tera Mata, Bergamo); nel 2010, per le edizioni LietoColle di Como, la raccolta Us de ruch, con introduzione di Franco Loi. Nel 2011 collabora con Piero Marelli alla cura di Guardando per terra, voci della poesia contemporanea in dialetto (LietoColle, Como), anche con una scelta di suoi testi. Sono del 2012 le piccole raccolte Àngei? e Zögadùr (Fiori di Torchio, Seregno eTera Mata, Bergamo) con la presentazione di Piero Marelli e Silvio Bordoni. è presente con suoi testi in L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto (Argo, Lecce 2014). Nello stesso anno presenta la piccola raccolta In del nòm del pàder con postfazione di Giulio Fèro (Tera Mata, Bergamo). Nel 2015 con Piero Marelli cura e partecipa con propri testi a Con la stessa voce. Antologia di poeti dialettali traduttori (Lieto Colle, Como). È presente con suoi testi in antologie e riviste. È un libero professionista, formatore e promotore socioculturale nel contesto delle professioni sociali e delle politiche giovanili.

 

UN BRANO DEL LIBRO 
«Se mi dici dal balcone
che sono un bel fiore
io ti accarezzo
e ti chiamo con un nome
che sfiora
col suo dolore»
 

PER ORDINARE IL LIBRO

-direttamente dal bookshop della casa editrice: clicca qui
-per l'edizione digitale tramite Casalini Digital: clicca qui  
-per altre richieste, informazioni e contatti con la casa editrice: clicca qui
-per conoscere le spese di spedizione clicca qui

Le edizioni di Interlinea sono disponibili anche nei maggiori bookshop on line
 

 

  Vai al sito di Interlinea

Vai al bookshop

Torna