Titos Patrikios
Le parole nude.
Antologia
Traduzione e cura di Katerina Papatheu
Con una nota di Giuseppe Conte
Interlinea, pp. 128,
euro 12
Collana "Lyra", 54

isbn 978-88-8212-926-2
Premio LericiPea 2013

Titos Patrikios, uno dei maggiori poeti europei attuali, nato ad Atene nel 1928, ha partecipato alla resistenza, durante l’occupazione nazifascista, rischiando l’esecuzione, e alla guerra civile. mandato al confino durante i regimi di destra che si sono avvicendati fino al 1974, è sopravvissuto alla brutalità delle due guerre e della polizia e alle torture, grazie a una scrittura assidua, febbrile, incessante. è un poeta che s’interroga, e il suo verso è un sentiero ritmico che protrae quasi all’infinito il suo sentire, è un percorso della memoria che può riempire i vuoti della vita. «nessun verso oggi può rovesciare i regimi / […] / se non per sollevare un angolo di verità». a questo servono appunto i poeti, perché «a un certo momento scelgono, denunciano, sperano, / chiedono / […] / passando in rassegna le cose già accadute / la poesia cerca risposte / a domande non ancora fatte». edizione, con inediti, a cura di Katerina Papatheu, con una nota di Giuseppe Conte.
 

Dalla rassegna stampa

"Corriere della Sera" del 27 settembre 2013 in occasione del premio çericiPea: «"La Grecia avventurosa come me". Titos Patrikios: "Ci salveremo, parola di sopravvissuto"» (di Antonio Ferrari).

 

DI PATRIKIOS NEL CATALOGO INTERLINEA
La casa e altre poesie, con testo greco a fronte, a cura di Nicola Crocetti
Clicca qui per leggere la scheda del libro

ORDINA IL LIBRO
Per le spese di spedizione clicca su "Condizioni di vendita" nel menù in alto

Info 0321 612571
 

 Vai al sito di Interlinea

Vai al bookshop

Torna