Silvana Lattman
Da solstizio a equinozio. Diario amoroso
presentazione di Maria Antonietta Grignani
pp. 80 9,30 isbn 88-8212-316-2

"Da solstizio a equinozio. Diario amoroso" è un'opera in prosa e in poesia, che riproduce un percorso dell'anima. I testi che la compongono sono ricchi di "vigilie di attimi", di attese di incontri purificati dalla memoria. La scrittura di Silvana Lattman è densa, lirica, profonda. La metafora stagionale del solstizio che segna l'inizio della confessione a partire da un luogo appartato, cioè da un'isola del Mediterraneo, nel pieno splendore del giugno, è anche metafora dell'esistenza.
Una poetessa di origine italiana, ma ancora non sufficientemente apprezzata nel nostro paese. Una raccolta ricca di sentimento, che può colpire il pubblico di ogni età.

  
L'AUTRICE

Silvana Abruzzese Lattmann è nata a Napoli nel 1918, ed è dal 1954 cittadina svizzera. Vive a Zurigo. Dal 1978 ha pubblicato diverse raccolte di poesie e di prose: in Italia da Mondadori, Vallecchi e Scheiwiller, in Svizzera da Casagrande.
 

UN BRANO DEL LIBRO

Nel giorno luminoso di giugno, sopra la roccia, testimone il mare io mi consegnai in trasparenza. Dissi: "Se tu entrassi dove nasce il riso, che ridere non è, vi cadresti in conoscenza". Stava silenziosa l'aria, ma il gabbiano tagliò il fermo dell'acqua e subitamente vidi le porte, senza limite di numero, chiuse aperte fra il tuo e il mio spazio.
 

ORDINA IL LIBRO
Per le spese di spedizione clicca su "Condizioni di vendita" nel menù in alto
 

 Torna

Torna a inizio pagina

Torna