ARCHIVIO NOTIZIARIO

N. 1

N. 2

N. 3

N. 4

N. 5

N. 6

N. 7

N. 8 N. 8 bis  
 
  N. 9 N. 10 N. 11

N.12

N.12 bis N.13 N.13 bis N.14  
 

   SOMMARIO
 
 

 
Tris d'assi a Natale: Rigoni Stern, Vassalli e Soldati
Mario Rigoni Stern, Sebastiano Vassalli e Mario Soldati sono i tre maestri del racconto con cui Interlinea cala un vero e proprio tris d’assi nella collana “Nativitas”. Tre piccoli libri per un grande Natale all’insegna della letteratura.
Dell’autore del celebre Il sergente nella neve, in occasione dei suoi 85 anni, esce Quel Natale nella steppa, a cura di Giovanni Cerutti, che scrive: «La sua scrittura, precisa e rigorosa ma in grado di chinarsi ad ascoltare le più minute sfumature delle vicende umane, rievoca e riporta in vita un mondo che sta scomparendo. Il Natale emerge nelle sue pagine come rappresentazione del mondo più autentico che l’autore porta con sé, custode di quei valori umani che le sue pagine cercano di conservare e tramandare, e che diventa la chiave di riferimento con cui fronteggiare gli avvenimenti del presente». Il volume, che raccoglie racconti e articoli legati sia a Natali di guerra che a Natali di oggi, con testi inediti in volume, si apre con un consiglio: leggete un libro durante le feste, il Vangelo.
Di Sebastiano Vassalli la collana propone Il robot di Natale e altri racconti: cinque testi d’autore ambientati a Natale e firmati da uno dei più importanti scrittori italiani contemporanei. Un inedito su una storica abbuffata natalizia in età napoleonica fa da contrappunto a storie di Natale disincantate e totalmente immerse nella contemporaneità, come quella dell’uomo morto davanti alla tv il giorno di Natale e scoperto cinque anni dopo o come l’epopea del primo robot inviato su Marte. Vassalli riflette anche sulla necessità di un ipotetico nemico dallo spazio per rendere unita e solidale la razza umana sulla terra e rilegge anche la storia di Maria di Nazareth e della nascita di Gesù senza buonismi.
Infine di un grande scrittore da riscoprire, Mario Soldati, in occasione del centenario della nascita, esce Natale e Satana e altri racconti. Al centro lo splendido racconto, non più uscito da oltre trent’anni, di un vecchio libertino che riceve una lettera misteriosa da Venezia e un ospite inatteso: un Natale che cambia la vita dell’antiquario Ariberto Malcotti, riannodando i fili del presente e di un passato trasgressivo. Tutto questo in Natale e Satana che dà il titolo a questa sorprendente raccolta di storie tutte ambientate nell’atmosfera del Natale. Una galleria di personaggi disegnati con acuta ironia e paradossale dolcezza: come la malinconica Iride nel suo triste paesino di montagna, la devota Pauline nella Parigi del giansenismo, il dolente professor Comorio “ultimo torinese” e molti altri che ci appassionano grazie allo stile vivo di un narratore di razza da rileggere.
 

   Torna al sommario
 

 
Vecchi e nuovi titoli natalizi con offerte…
Ogni dicembre si allarga il grande club degli amici del Natale in letteratura formato da chi scopre, per il dono di un amico, il consiglio di un libraio o un trafiletto sulla stampa, la collana “Nativitas”. Sono in numero crescente coloro che, incontrando uno di questi libretti dalla raffinata copertina grigia e le pagine avoriate, se ne appassionano e cominciano a ricercare anche gli altri titoli per avere la collezione completa. E, anche se ormai l’editoria sta scoprendo e consumando il tema natalizio, questa resta la prima collana in assoluto, e ancora l’unica, dedicata esclusivamente alla più grande festa dell’anno nelle parole degli scrittorie nelle opre e d’arte. Ora, avvicinandosi al cinquantesimo numero Interlinea – sollecitata da lettori e anche da biblioteche – ha organizzato il proprio magazzino centrale per poter soddisfare in tempi rapidi le richieste di chi desidera completare la collezione con i numeri mancanti oppure desidera acquistare quantitativi di uno stesso titolo per i propri doni (anche con possibilità di sconti e di personalizzazioni con segnalibri o in altro modo). Ricordiamo alcune dei titoli più fortunati: dalle vignette di Guido Clericetti in Sorridi a Natale con i famosi omini con gli occhi a croce alla voce narrativa di Pearl S. Buck, premio Nobel per la letteratura nel 1938, con un piccolo gioiello, il racconto Il segreto di Natale, senza dimenticare la poesia di Clemente Rebora in Il tuo Natale. Il catalogo di “Nativitas” è comunque denso di proposte di tutti i generi: dal giallo (con Festa di Natale di Rex Stout e La bambola del delfino di Ellery Queen) alla spiritualità (con Francesco e Chiara d’Assisi, gli Inni natalizi di sant’Ambrogio e i Sette discorsi di Natale di sant’Agostino, le meditazioni di Anna Maria Cànopi con Piedini nudi) fino all’arte (Natale all’Ambrosiana di Gianfranco Ravasi, Le mie Natività di Federico Zeri e La Natività di Dürer e L’adorazione dei magi di Gentile da Fabriano). Come è stato scitto, «Con la collana “Nativitas” regalare un libro a Natale non è una scelta scontata, ma un modo per dare spazio alla parola sussurrata, proprio in un momento in cui il chiasso e la banalità cercano di coprire tutto».
 

   Torna al sommario
 

 
Un libro Interlinea ti fa viaggiare in 2 al costo di 1
Un libro Interlinea acquistato on line direttamente dalla casa editrice e comodamente ricevuto a casa. Una lettura interessante, appassionante, coinvolgente e… conveniente. Sono infatti le ultime settimane per partecipare alla vantaggiosa promozione che riguarda in modo particolare i lettori che acquistano direttamente dalla casa editrice i libri tramite il negozio on line di Interlinea (www.interlinea.com). Grazie all’accordo con il prestigioso tour operator I Viaggi del Turchese Interlinea potrà riservare ai propri clienti un’offerta accattivante, soprattutto in vista del periodo estivo e delle vacanze. Con questa promozione, sarà più facile per gli amici di Interlinea realizzare il sogno di una vacanza in una località esotica. A tutti coloro che effettueranno tramite il bookshop un acquisto di qualsiasi importo verrà inviata, insieme ai volumi acquistati, la “Interlinea card - formula stand by”. Si tratta di un documento che dà al possessore la possibilità di prenotare tramite l’agenzia New Elle Viaggi una vacanza per due persone del tour operator I Viaggi del Turchese pagando solo per una persona. Uno sconto notevolissimo, a cui i lettori di Interlinea avranno diritto per il solo fatto di aver effettuato un acquisto nel negozio internet della casa editrice. La promozione è valida per i libri acquistati nel bookshop on line di Interlinea o rispondendo alle promozioni inviate agli iscritti alla mailing list “Amici di Interlinea” (le modalità per iscriversi sono sul sito) fino al 30 novembre 2006, con le modalità e le limitazioni indicate nel regolamento che è consultabile sul sito internet di Interlinea e che sarà riportato anche sulla card.
 

   Torna al sommario
   
Sessanta poeti cantano il Natale: ma chi ascolta il pianto del bambino?
 

«Natale. Guardo il presepe scolpito, / dove sono i pastori appena giunti», scrive Salvatore Quasimodo in una delle poesie citate nella grande raccolta Natale in poesia. Antologia dal IV al XX secolo che esce in nuova edizione aggiornata con inserti d’arte a colori. Il poeta siciliano scrive al termine del suo componimento: «Pace nel cuore di Cristo in eterno: / ma non v’è pace nel cuore dell’uomo. … / ma c’è chi ascolta il pianto del bambino / che morirà poi in croce fra due ladri?» La vera poesia non coglie soltanto gli aspetti positivi e per alcuni forse ritriti della maggiore festività dell’anno. Infatti Luciano Erba, nella presentazione del volume, annota: «ispirata dall’evento del Natale, come si comporta la poesia? Si ferma solo alle apparenze? Coglie gli aspetti più suggestivi? Approfondisce il messaggio religioso? Lo illustra come meglio le riesce di fare? Promuove la nostra riflessione? Ci commuove? Ci fa migliori? Diremmo che la poesia, quando è davvero poesia, ottiene tutto questo d’un sol colpo».
Ecco un’antologia che era attesa in una nuova edizione. da Efrem Siro e Ambrogio a Iacopone da Todi e Lope de Vega, da Manzoni e Heine a Pascoli e Claudel, da Gozzano a Eliot, da Montale a Turoldo e anche Rodari e Luzi: oltre sessanta tra i maggiori poeti dal iv secolo ad oggi in una scelta, con illustrazioni d’arte che ripercorrono, in inserti a colori, la tradizione della nascita di Cristo. Chiude il volume Mario Luzi, che si mescola tra i pastori a comtemplare «quella profetizzata e temuta natività / che essi vedevano e adoravano / perduti / nella raggiante oscurità.

Questi e altri titoli possono essere prenotati con la cedola allegata al notiziario o tel. allo 0321 612571.
 

   Torna al sommario
   
Le lingue della poesia tra Ferlinghetti, Gelman e finalmente Roud
 

Il progetto di Interlinea verso la poesia prosegue, avvalorato da alcuni premi (il LericiPea a Ferlinghetti, il Carducci a Tutte le poesie di Ramat, Il premio internazionale Poesia Civile di Vercelli a Gelman, il DeltaPoesia a Bianca Dorato per Signaj, per citarne alcuni dei più recenti). Tra le nuove uscite che, tra autunno e inverno 2006, danno voce a diverse lingue del mondo, invitiamo ad aprire le pagine di alcuni titoli.
Innanzi tutto Lawrence Ferlinghetti e la sua nuova raccolta di poesie che contiene anche alcuni inediti. Il libro – in libreria nei giorni della premiazione a Lerici – porta il titolo suggestivo di Il lume non spento ed è stato curato da Massimo Bacigalupo. Si rivolge ai lettori d’oggi attraverso taglienti aforismi e perle di saggezza. L’autore canta con pulita naturalezza la storia del popolo, canta la vita interiore della vita e il bisbiglio dell’esistenza umana. Di grande tensione etica e civile è la raccolta Doveri dell’esilio di Juan Gelman, a cura di Laura Branchini: il poeta argentino, una delle voci più importanti della letteratura sudamericana contemporanea, padre di desaparecidos, in queste pagine offre ai lettori italiani testi mai apparsi nel nostro Paese; quasi una sua autoantologia in occasione dell’assegnazione del premio internazionale di poesia civile di Vercelli. Una vera e propria rivelazione in Italia sarà invece Requiem di Gustave Roud, a cura di Pierre Lepori con una nota di Philippe Jaccottet che di recente ha presentato e consacrato l’autore nella celebre collana poetica di Gallimard: del massimo poeta svizzero francese contemporaneo sono raccolti gli scritti più intensi. Una voce raccolta da Interlinea alla ricerca di una poesia nel mondo che sia viva e necessaria.

Lawrence Ferlinghetti, Il lume non spento, a cura di M. Bacigalupo (pp. 96, euro 10).
Juan Gelman, Doveri dell’esilio, a cura di L. Branchini (pp. 64, euro 12).
Gustave Roud, Requiem e altre prose poetiche, a cura di P. Lepori, con una nota di P. Jaccottet (pp. 232, euro 12).
 

   

Avanti

   
   Torna

Inizio pagina