Lo stato poetico
con sculture di Marco Nereo Rotelli
e note di Lucrezia Lerro e Annamaria Orsini
pp. 64, € 12, isbn 978-88-8212-806-7

In occasione della 54a esposizione internazionale d’arte la Biennale di Venezia, l’artista Marco Nereo Rotelli ha impresso nella pietra alcuni versi di molte e tra le più significative voci della nostra poesia d’oggi. La concisione e la sintesi dei loro testi è il modo migliore per significare con semplicità il valore insostituibile della parola poetica. Testi di Antonella Anedda, Maria Attanasio, Pier Luigi Bacchini, Gemma Bracco, Tiziano Broggiato, Roberto Carifi, Patrizia Cavalli, Giuseppe Conte, Maurizio Cucchi, Claudio Damiani, Tomaso Kemeny, Vivian Lamarque, Lucrezia Lerro, Franco Loi, Giancarlo Majorino, Roberto Mussapi, Loretto Rafanelli, Antonio Riccardi, Davide Rondoni, Edoardo Sanguineti, Mario Santagostini, Maria Luisa Spaziani, Gian Mario Villalta, Cesare Viviani, Valentino Zeichen, Andrea Zanzotto, Sergio Zavoli

L'AUTORE

Marco Nereo Rotelli è nato a Venezia nel 1955, dove si è laureato in Architettura nel 1982. Attualmente vive e lavora a Milano e Parigi. Da anni persegue una ricerca sulla luce e sulla dimensione poetica che Harald Szeemann ha definito come «un ampliamento del contesto artistico».
Rotelli ha creato negli anni una interrelazione tra l’arte e le diverse discipline del sapere. Da qui il coinvolgimento nella sua ricerca di filosofi, musicisti, fotografi, registi, ma principalmente il suo rapporto è con la poesia che, con il tempo, è divenuta un riferimento costante per il suo lavoro.
Nel 2000 fonda il gruppo Art Project diretto da Elena Lombardi e composto da giovani artisti e architetti, con il quale realizza numerosi interventi e progetti di installazione urbana.
Ha partecipato a cinque edizioni della Mostra Internazionale d’Arte La Biennale di Venezia, oltre a numerose mostre personali e collettive.
Le sue opere sono presenti in musei e importanti collezioni private di tutto il mondo.
Di lui hanno scritto alcuni tra i più importanti critici d’arte, oltre a poeti, scrittori, filosofi e personalità della cultura internazionale, alimentando un’importante raccolta bibliografica sul suo lavoro.


UNA CITAZIONE DAL VOLUME

Edoardo Sanguineti

 (in memoriam)

forse impazzito,
mi sono travestito:
e sto nascosto: 

io sono a posto:
ho lo sguardo sbarrato,
meravigliato: 

chi mi identifica?
chi può, me, riconoscere?
chi, a me, può nuocere? 

questa è una festa:
ho come un ramo, in testa,
oscena cresta:
 e altre due cose:
ho due corna sontuose,
tonde e ramose
 

ORDINA IL LIBRO
Per le spese di spedizione clicca su "Condizioni di vendita" nel menù in alto
 

  Vai al sito di Interlinea

Vai al bookshop

Torna