Elve Fortis de Hieronymis
I viaggi di Giac

Illustrazioni dell’autrice, con una nota di Walter Fochesato
pp. 128, euro 7,75, Isbn 978-88-6699-003-1

Giac è un omino di carta di giornale, ritagliato da un bambino e abbandonato su un tavolo in una giornata di pioggia, vicino a un libro aperto. L’omino fa amicizia con un punto di nome Lino che lo accompagna in mille avventure in un mondo di punti, linee, lettere, numeri e giochi, al centro di questo libro sorprendente che avvicina i piccoli lettori all’arte e alla creatività.

  
L'AUTORICE

Elve Fortis de Hieronymis (1920-1992) ha progettato, illustrato e scritto libri per l’infanzia per i maggiori editori, ottenendo prestigiosi premi, anche per I viaggi di Giac edito la prima volta da Einaudi Ragazzi. Tra i suoi successi, Così per gioco… e Gira, gira la giraffa.
 

UN BRANO DEL LIBRO

è tutto il giorno che piove e Francesco, per passare il tempo, prende un vecchio giornale, e ritaglia un pupazzetto di carta. Con i pennarelli disegna gli occhi e la bocca. L’omino sorride.
Adesso bisognerà anche dargli un nome. Perché non Giac-omino, l’omino di carta che tu vedi qui sotto?

Soddisfatto, Francesco gioca per un bel po’ con Giac-omino, ma a un certo punto sente salire dal giardino le voci degli amici.
«Evviva, non piove più!» grida, e si precipita fuori.
Giac-omino rimane abbandonato sul bordo di un libro, e si sente piuttosto infelice. “Sta’ a vedere”, pensa, “che Francesco si è già stufato di me, e quando tornerà a casa non si ricorderà nemmeno della mia esistenza. E dire che avrei potuto fare molte cose per lui. Sono nato da un giornale, ho una certa cultura: l’avrei aiutato a fare i compiti, di notte gli avrei temperato le matite, cancellato le macchie sui quaderni, riordinato il tavolo, preparato la cartella...”
«Ciao! Perché sei triste?»
Chi ha parlato? Giac-omino solleva la testa, si guarda intorno, si stropiccia gli occhi. Non c’è nessuno.
«Ehi! Dico a te! Mi senti? Posso darti una mano?» insiste la vocina.
«Ti sento, ma non ti vedo. Chi sei? Dove sei?»
«Ecco, quando devo presentarmi, ho sempre qualche problema».
Chi mi guarda è come se non mi vedesse. Peggio, mi fa capire che sono una nullità».
«Scusa, sai, ma non riesco a seguirti».
«Tutto questo, come puoi capire, mi mortifica, e così di solito me ne sto per conto mio, e non mi faccio notare. Ma oggi ti ho visto così malinconico che ho pensato di parlarti, di farti un po’ di compagnia. Te lo ripeto: c’è qualcosa che posso fare per te?»
«Sei molto gentile e ho una grande voglia di conoscerti. Fatti un po’ vedere una buona volta».
«E va bene», risponde la vocina, «abbassa gli occhi su questa pagina. Io sono questo qui».
E aggiunge tutto d’un fiato:
«Sì, hai visto bene. Io sono un punto, e mi chiamo Lino».
Giac-omino resta a bocca aperta. Come si fa a diventare amici di un punto? Di cosa si parla, con un punto? A che cosa si può giocare, con un punto? Giac-omino cerca di riprendersi dalla sorpresa e avviare una conversazione, ma non sa tanto cosa dire.
«Caro Punto Lino... Non posso negarlo... Per un momento sono rimasto di sasso!... Un fatto così non mi era mai capitato... Nessuno ha mai sentito la voce di un punto! Non devi offenderti, anzi! Questo fatto mi sembra strabiliante, e tutti lo dovrebbero conoscere. Altro che nasconderti. Sei un fenomeno vivente, e presto arriveranno i giornalisti, la radio e la tv, a intervistarti».
Quando parlava di giornali, Giac-omino si sentiva un po’ a casa sua, e prendeva un’aria confidenziale:
«Già mi vedo i titoli in prima pagina: punto lino, il punto parlante. Sei una vera celebrità, altro che una nullità». [...]
 

GIOCA E IMPARA CON QUESTO LIBRO  

PROPOSTA A
(per le classi del secondo ciclo della scuola elementare)

In viaggio con Giac alla scoperta dell’immagine
Un percorso dal punto all’opera d’arte con Antonio Ferrara
Il libro di Elve Fortis è pensato per essere utilizzato come strumento didattico. Uno dei migliori illustratori di Interlinea ripercorre, con lo stile dell’animazione, il viaggio del pupazzetto di carta Giac dal punto all’opera d’arte.
Il percorso può essere strutturato sia in un incontro singolo sia come serie di incontri.

Per informazioni su incontri e laboratori
Tel. 0321 612571 oppure scrivi a lerane@interlinea.com

 

PER ORDINARE IL LIBRO
-direttamente dal bookshop della casa editrice: clicca qui
-per altre richieste, informazioni e contatti con la casa editrice: clicca qui
-per conoscere le spese di spedizione
clicca qui

Le edizioni di Interlinea sono disponibili anche nei maggiori bookshop on line
Vi aspettiamo in casa editrice con offerte e sconti: da lunedì a venerdì a Novara in via Pietro Micca 24, telefono 0321 612571