Giorgio Orelli e il "lavoro" sulla parola
Atti del convegno internazionale di studi Bellinzona
13-15 novembre 2014
A cura di Massimo Danzi e Liliana Orlando
Interlinea, pp. 304, euro 22
“Studi”, 83
isbn 978-88-6857-058-3

Appartenente alla generazione di Zanzotto, Erba, Pasolini, Giudici o Cattafi, Giorgio Orelli (Airolo 1921-Bellinzona 2013) è stato, con grande misura, soprattutto poeta e «lettore», ma anche narratore e traduttore da più lingue: ambiti che avvertiva «complementari» per la centralità riconosciuta alla dimensione «verbale» del testo o, volendo, per l'esigenza profondamente sentita di una costante e rinnovata verifica delle motivazioni linguistiche che governano la parola letteraria. Di questo suo «lavoro», cresciuto nei settant'anni che separano le poesie di Né bianco né viola (1943) dagli ultimi libri, dà conto questo volume, che raccoglie gli Atti del convegno svoltosi nel novembre del 2014 a Bellinzona. Si trovano qui, nell'ordine, i saggi di Stefano Agosti, Maria Antonietta Grignani, Silvia Longhi, Clelia Martignoni, Pietro Gibellini, Gilberto Lonardi, Alice Spinelli, Massimo Danzi, Christian Genetelli, Niccolò Scaffai, Giovanni Fontana, Georgia Fioroni, Yari Bernasconi, Ottavio Besomi, Pietro De Marchi, Pietro Montorfani e la testimonianza dello scrittore e poeta Giovanni Orelli.

  
PER ORDINARE IL LIBRO
-
direttamente dal bookshop della casa editrice: clicca qui
-per l'edizione digitale tramite Casalini Digital: clicca qui
-per altre richieste, informazioni e contatti con la casa editrice: clicca qui
-per conoscere le spese di spedizione clicca qui

Le edizioni di Interlinea sono disponibili anche nei maggiori bookshop on line
 

 Torna

Torna a inizio pagina

Torna