Francesco Granatiero
La chiéve de l’úrte
Con una nota di Giovanni Tesio
pp. 128,
12, isbn 978-88-8212-758-9
 

La chiéve de l’úrte è un’immagine in cui si condensa tutto il valore più altamente evocativo della poesia di Francesco Granatiero: la capacità di disserrare – attraverso l’arte poetica – la porta di un recinto che è anche un mondo “altro”. «C’è l’idea dell’orto chiuso, di un recinto che da sempre abitano creature silenti e divinità disturbate, evocando misteri e risvegliando inquietudini, animando incanti e scatenando paure. E poi c’è l’enigma della chiave che dovrebbe aprirlo, svelandone gli arcani. Ma questa chiave – come ci avvisa il componimento proemiale, La chiéve – è nascosta sotto la cenere, e chi ne sa il segreto dorme, e non lo si può svegliare» (Giovanni Tesio).
 

L'AUTORE

Francesco Granatiero è nato a Mattinata (FG) nel 1949 e vive a Rivoli (TO), dove lavora come medico di laboratorio. Ha pubblicato sette raccolte di poesia nel dialetto del suo paese d'origine: All'acchjitte (1976), U iréne (1983), La préte de Bbacucche (1986), Énece (1994), Iréve (1995), L'endice la grava (1997), Scúerzele (2002). Con Interlinea ha pubblicato Passéte (2008).
 

UN BRANO DEL LIBRO

La chiéve 

Me lu deciste appéne
arrevéte alla irótte,
ca sté sótte la cénere.

Mó, tatà, a nnòtte a nnòtte,

nde pòzze addummanné
la chiéve addónne sté,
se sté sótte la cénere.

 

Pulucine 

Accòlete, li vì,
vòcchele e ppulucine
ngambiisce la matine
viaviie, pipì, pipì.

Cenídde rumanì
gghiòmmere sularine
de vammécia ggialline
nd-la cangiòule e ffenì

mméne allu uagnungídde,
pipì, che lu strengì
nepóche cchiussélìdde,

pipì, pipì, accussì,
múdde nd-lu ciummetídde,
pipì, pipì, pi, pi...

 

ORDINA IL LIBRO
Per le spese di spedizione clicca su "Condizioni di vendita" nel menù in alto
 

 Vai al sito di Interlinea

Vai al bookshop

Torna