Il tuo browser non supporta JavaScript!

Strumenti d'amore

Recensione di: Il violino di Auschwitz
14.01.2018
Da "Robinson", Alessandra Roncato, su Il violino di Auschwitz di Anna Lavatelli

«La Shoah vista da un violino. "Nulla aveva senso, lì dentro. E se nulla aveva senso, allora era inutile cercare risposte": lì, ad Auschwitz, anche lui aveva smesso di farsi domande».

Il violino di Auschwitz

di Anna Lavatelli

editore: Interlinea

pagine: 88

Cicci ha tutto ciò che una ragazza possa desiderare: una vita bella e agiata, una famiglia che le vuole bene, tanti amici e una grande passione per la musica. Ma è ebrea e durante la guerra tutto cambia. Le rimarrà solo il suo violino, da cui non si separerà a nessun costo. Sarà proprio lui a raccontare, dopo un lungo silenzio, la lenta discesa di Cicci verso l’inferno del campo di concentramento di Auschwitz, dove sarà costretta a suonare per le SS. Scoprirà però che la musica rende liberi. Un racconto commovente tratto da una storia vera.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.