Emanuele Luzzati: un grande artista della letteratura per l'infanzia.
L'impegno di Interlinea per valorizzare i suoi capolavori, da Pulcinella ad Alì Babà
 

 

A dispetto dell'età, ottantacinque anni, non sembra vero che il cuore di quell'eterno fanciullo e generoso artista che è stato Emanuele Luzzati abbia smesso di battere improvvisamente la sera del 26 gennaio 2007 nella sua Genova, nei giorni della Memoria dei suoi fratelli ebrei. Non sembra vero anche per gli amici con cui aveva ancora tanti progetti editoriali, come Interlinea, cui aveva affidato due suoi capolavori nella collana delle "Rane", a suo tempo divenuti celebri in tutto il mondo, grazie anche a cartoni animati giunti alle soglie dell'Oscar: Alì Babà e i quaranta ladroni  (Premio Andersen 2003 per la nuova edizione) e La tarantella di Pulcinella. Ma aveva voluto anche fare un omaggio alla rane firmando con Anna Lavatelli le divertentissime Filastrane. Strane storie di rane.  Il rapporto con la casa editrice novarese e il gruppo che avrebbe fondato la collana delle "Rane" a lui cara (con Walter Fochesato e Pino Boero) era iniziato anni prima in occasione del convegno e mostra, con relativo volume, su Rodari, le parole animate dedicato ai maggiori illustratori del grande scrittore delle Favole al telefono. Da ultimo aveva disegnato un suo omaggio al Natale in La stella dei re magi: un piccolo prezioso e coloratissimo libro di cui aveva progettato una nuova edizione in rande formato per la sua predilezione verso i tre personaggi provenienti da quell'Oriente antico, magico e leggendario da cui sempre fu incuriosito e attratto.
L'ATTIVITà. Come è stato scritto,
Luzzati era uno degli artisti legati al teatro e all'illustrazione più ammirati in Italia e nel mondo. "Di fronte alle scenografie di Emanuele Luzzati, si ha quasi sempre l'impressione di finire mani, piedi e pensieri dentro un sogno", aveva detto anni fa Giorgio Strehler, rendendo omaggio ad un artista fra i più originali e personali del nostro tempo. Era nato a Genova nel 1921 e alla sua città (che gli ha dedicato un museo) è sempre rimasto profondamente legato. Formatosi prima nella sua città e poi a Losanna , dove si era rifugiato in seguito alle leggi razziali, aveva esordito nel 1944 , l'anno del suo diploma all'École des Beaux Arts,  con uno spettacolo realizzato insieme ad Aldo Trionfo e Guido Lopez. Rientrato in Italia, si divide subito fra la prosa e la lirica: «Nel 1936 nel vecchio Carlo Felice - ha raccontato - assistetti ad una rappresentazione dell'Elisir d'amore. Cantava Tito Schipa e mi commossi: a quell'epoca avevo in casa un teatro di burattini, mi divertivo ad animarli. E per mia sorella realizzai subito un Elisir d'amore. Nacque allora la mia passione per la lirica e per il teatro dei burattini». Nel 1960 Luzzati crea "La borsa di Arlecchino" a Genova, un piccolo palcoscenico che segnerà un momento importante nella cultura genovese. L'anno dopo con Franco Enriquez, Glauco Mauri e Valeria Moriconi dà vita alla Compagnia dei Quattro che esordisce con Il rinoceronte di Ionesco. Nel 1976 ancora con Aldo Trionfo e Tonino Conte è tra i fondatori del Teatro della Tosse per il quale realizza una infinità di spettacoli. Nel 1959 con Il Cordovano di Petrassi aveva esordito alla Scala. Fra i suoi allestimenti storici va ricordato il Flauto magico per il Festival di Glyndebourne. Il flauto magico avvicina anche Luzzati al cinema di animazione. La sua rilettura dell'opera mozartiana è ormai un classico ed è stata seguita da altre pellicole interessanti: una sua Gazza ladra nel 1964 ottiene una nomination all'Oscar; e un'altra nomination arriva nel 1973 per Pulcinella. Celebre anche la sua animazione di Alì Babà e i quaranta ladroni, sempre con Gianini. Il grande scenografo ha sempre detto di trovare in Genova, dove si entra dai tetti delle case e si esce giù per le strade ripide, labirintica come un bosco, la fonte di ispirazione dei suoi lavori. «Tutte le volte che esco dall'ascensore del quartiere di Castelletto e guardo fuori - disse - mi stupisco, perché vedo sempre qualcosa di nuovo».

Ecco i libri di Emanuele Luzzati realizzati con Interlinea:

La tarantella di Pulcinella
I disegni della storia che ha dato all'autore, Emanuele Luzzati, una nomination all'Oscar al tempo della prima uscita in cartone animato: Pulcinella è povero in canna, ha cinque figli e una moglie che vorrebbe ricchezze; finché un giorno pesca un pesce d'argento che esaudisce tutti i desideri, ma...
Pp. 40 a colori in grande formato con copertina cartonata, Interlinea-Le rane, euro 12


Alì Babà e i quaranta ladroni
 "Chi lo sa, chi non lo sa / questa è la storia di Alì Babà / che per passare il tempo allegramente / faceva di tutto per non far mai niente": una delle più celebri storie in versi di Luzzati ritorna con la sua carica di ironia, avventura e colori, con un protagonista fanciullo "che passa il tempo allegramente / a far di tutto per non far mai niente".
Pp. 40 a colori in grande formato con copertina cartonata, Interlinea-Le rane, , euro 12

Filastrane. Storie di rane (Emanauele Luzzati e Anna Lavatelli)
Il tema di questo libro, realizzato a quattro mani da un grandissimo artista e da una popolare scrittrice per ragazzi, sono le rane, che ne fanno di tutti i colori. Lo spunto è dato dai nomi di città o paesi italiani e la
struttura è data dall'alfabeto: Filastrocche filastrane/strane storie con le rane/di campagna e di città/vi presento (e sono lieta)/dalla A fino alla Zeta… Dai 6 anni in poi.
Pp. 32 a colori, Interlinea-Le rane,
euro 8
 

La stella dei re magi
Luzzati presenta qui sedici sorprendenti tavole che illustrano il viaggio compiuto dai re magi. «Fin da piccolo questi personaggi hanno stimolato la mia fantasia: per la loro provenienza dal lontano Oriente, per il lungo viaggio, per la regalità, per i doni. Ora, dopo un'intera vita di simpatia verso di loro, mi è sembrato bello dedicargli le tavole di questo libro, che ne ricostruisce l'avventura, ispirandomi ai testi della tradizione, spesso poco conosciuti e curiosi».  Pp. 48 a colori, grande formato,  Interlinea, euro 18.
 

Dell'amore, dell'avventura. L'Orlando innamorato 
Con una nota di Walter Fochesato. Il grande scenografo e artista Emanuele Luzzati si è cimentato con una delle storie più amate della letteratura italiana, quella del paladino Orlando, così come la racconta Matteo Maria Boiardo nell'Orlando innamorato. I versi del poema boiardesco e le opere di Luzzati scorrono in una fantastica sequenza di parole e colore che incanta. A colori. Pp. 104, Interlinea, euro 25.

 

Rodari, le parole animate, con le illustrazioni di Altan, Luzzati, Munari, Mirek, Maulini, Verdini, Peg, Rapaccini e altri, accompagnate dai testi di Gianni Rodari. Con un saggio introduttivo di Pino Boero, un'intervista a Rodari di Enzo Biagi e schede di didattica e creatività a cura di Anna Lavatelli. "Un'immersione pedagogica di straordinaria attualità" (P. Boero).
Pp. 224 con immagini a colori,
Interlinea, euro 12,91

 

Torna

Inizio pagina
 

Le rane Interlinea Bookshop Juniorlibri

Interlinea, via Enrico mattei 21, 28100 Novara, tel. 0321 1992282 / 612571, fax 0321 612636, edizioni@interlinea.com