Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Bruno Quaranta, agiografia dei «santi» maestri di oggi

Recensione di: Liberi di credere
22.06.2023
Da "Il Sole 24 Ore", Davide Brullo su Liberi di credere di Bruno Quaranta

«Una volta esistevano le agiografie: le storie popolari dei santi - come la fiaba - insegnavano che l'invisibile è ovunque, che la sequela richiede fiuto, avventatezza, addestramento alla delusione e che l'uomo, in fondo, semina ambiguità».

Liberi di credere

Interviste a protagonisti sulle strade di Dio

di Bruno Quaranta

editore: Interlinea

pagine: 160

«Chi crede, chi non crede. Chi, come il cardinal Martini, in ogni uomo scorgeva un credente e un non credente. È il fil rouge di queste anime che si sono inerpicate lungo i giorni del mondo sperando contro ogni speranza»: un giornalista di lungo corso raccoglie interviste inedite a scrittori, intellettuali, prelati, sul rapporto con lo spirito e la fede. Uomini e donne che intendono la vita come un affare di coscienza.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.