Il tuo browser non supporta JavaScript!

Julian Zhara, è nato un poeta

Recensione di: Vera deve morire
19.10.2018
Da "Il Fatto quotidiano", Veronica Tomassini su Vera deve morire di Julian Zhara

«Le sue intuizioni sono bilingue, folgoranti, impregnate di nostalgia. Così è in questo evocativo e tragico “Vera deve morire”, dove si consuma l’amore nell’impossibilità di realizzarlo, il soggetto terzo, tra due corpi che rifuggono o rifulgono. Il poema si suddivide in quadri, che Julian chiama canti. Noi dovremmo vedere Vera, la sua bocca agitare sillabe, muoversi in differita, sparire come nei sogni, in dissolvenza, come in certi film, il frame sbagliato»
link all'articolo completo

Vera deve morire

di Julian Zhara

editore: Interlinea

pagine: 64

«parole semplici, poche, dentro la bocca / come il picchiettìo del rubinetto / chiuso male»

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito web utilizza cookies per aiutare a migliorare i servizi e le informazioni ai suoi visitatori. Se continui ad usare questo sito ne accetti implicitamente l'utilizzo. Ricordiamo inoltre che dal tuo browser è possibile cancellare la cache e tutti i cookies principali. Utilizziamo cookies di terze parti e proprietari. Per maggiori informazioni ti invitiamo a consultare la Cookies Policy

Acconsento