Il tuo browser non supporta JavaScript!

L'allenatore ebreo, dallo scudetto ad Auschwitz

08.03.2020
Da "Il Quotidiano del Sud", Giovanni Coppola su "L'allenatore ad Auschwitz" di Giovanni Cerutti

«Il lavoro di Cerutti ci offre una preziosa testimonianza della vita di Àrpad Weisz, dal suo arrivo in Italia fino alla cattura e all'espulsione dal territorio nazionale a causa delle ben note leggi razziali del 1938. Weisz passò alla storia come il più giovane allenatore che sia mai esistito. Vinse uno scudetto con l'Ambrosiana-Inter nel 1929-30 e poi due col Bologna, negli anni 1935-36 e 1936-37. Un libro non è solo un semplice ricordo, una memoria, l'esatto profilo di un uomo di successo, ma anche un frammento di storia, un'occasione per ricordare quel difficile e complesso tempo della vita del nostro Paese dal punto di vista sociale, culturale, politico, ma soprattutto umano. Un momento di riflessione»

L’allenatore ad Auschwitz

Árpád Weisz: dai campi di calcio italiani al lager

di Giovanni A. Cerutti

editore: Interlinea

pagine: 128

Calcio e discriminazione: la storia di Árpád Weisz il grande allenatore degli anni trenta che scoprì Giuseppe Meazza, costretto dalle leggi razziali dai campi di calcio italiani al lager.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.