Il tuo browser non supporta JavaScript!

An piemonteis

13.09.2019
Da "La Stampa Torinosette", Albina Malerba su Nìvole da prim. Nuvole di primavera di Remigio Bertolino

«Nìvole ch'a van vers un mond pèrdù": a l'è la bela dedica che Remigio Bertolino (poeta an piemontèis che con ij sòi vers sempe pi a s'àussa anver orizont ed poesìa d'anima e 'd carn e 'd
cel e 'd tèra), a me scriv compagnand Pùltim so lìber pen-a surtì: "Nìvole da Prim.»

Nìvole da prim. Nuvole di primavera

di Remigio Bertolino

editore: Interlinea

pagine: 144

«Il suo è un mondo di silenzi, di solitudini, di nudità. Persone e voci che parlano dicendo la loro vita, aggrappandosi ai loro sentieri, descrivendo le loro abitudini, esprimendo le loro afflizioni, ma anche annunciando le loro redenzioni» scrive Giovanni Tesio a proposito di queste Nìvole da prim (Nuvole di primavera), libro di Remigio Bertolino che segna la sua piena maturità letteraria perché «con coerenza estrema e consapevolezza discreta è il poeta che più di ogni altro riesce oggi ad allineare la poesia in piemontese ai risultati della più provve­duta (e pur nei suoi limiti, più nota) poesia in lingua».

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.