Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

"Ho vissuto a contatto con gli antichi"

02.11.2023
La natura nel mondo antico Da "Corriere di Novara", Carlo Panizza su Premio Marazza alla carriera

«Nell'ambito della 19^ edizione del Festival Internazionale di Poesia Civile di Vercelli organizzato dall'associazione culturale "Il Ponte" con la collaborazione dell'Università del Piemonte Orientale è
stato assegnato al professor Carlo Carena, uno dei maggiori latinisti e grecisti italiani il "Premio Marazza"alla carriera quale riconoscimento per un'intera vita dedicata allo studio, alle traduzioni dei classici, alla critica letteraria e all'insegnamento.»

La natura nel mondo antico

Antologia classica da Omero a Plinio il Giovane

a cura di Carlo Carena

editore: Interlinea

pagine: 128

In che modo guardavano la natura gli abitanti dell'antichità? Lo testimoniano i maggiori scrittori, da Omero a Plinio il Giovane. Come quando Enea, nei versi di Virgilio, «dalla distesa delle acque un enorme bosco vede levarsi» mentre sbarca nel Lazio. Carlo Carena, lettore e traduttore di classici, sceglie i brani più belli, con testo latino o greco a fronte, per svelare un ambiente naturale, tra vegetali e animali, che aveva una forza primordiale espressa per esempio da Sofocle nel descrivere un «ulivo verdastro che nutre i fanciulli»: nessuno, giovane nè vecchio, lo potrà distruggere di sua mano: l'occhio di Zeus lo guarda e lo custodisce costantemente». Forse la lettura di questi testi antichi può suggerirci un amore maggiore per il mondo che ci circonda.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.