Il tuo browser non supporta JavaScript!

La geografia del ricordo

Recensione di: Mandato a memoria
28.03.2020
Da "Via Po Cultura", Giuseppe Manitta su "Mandato a memoria" di Stefano Pini

«Mandare a memoria” è un’azione di per sé forte perché significa imparare a ricordare, quasi fosse un esercizio indispensabile e al contempo l’unica soluzione possibile: «Ci è stato dato questo e non  altro / il calore che si estingue in un esercizio / mandato a memoria, nei cortili». Titolo e versi ai quali si rimanda pongono, dunque, una questione classicamente lirica che riguarda l’aspetto rammemmorativo,un’ escavazione che, in Stefano Pini, non è tanto il vagheggiamento del passato, ma si rivolge ad un’accezione più complessa, a tratti finanche collettiva. Per essere più chiari, viene a  crearsi in “Mandato a memoria” (Interlinea, 2019) un vero e proprio reticolo di luoghi, di persone, di spostamenti, di increspature emozionali, nel quale non sempre lo sguardo del poeta è rivolto a sé, ma in molte occasioni cerca un rischiaramento attraverso la visione e l’accensione onirica - »

Mandato a memoria

di Stefano Pini

editore: Interlinea

pagine: 96

Una mappa poetica di Milano tra modernità e memoria.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito web utilizza cookies per aiutare a migliorare i servizi e le informazioni ai suoi visitatori. Se continui ad usare questo sito ne accetti implicitamente l'utilizzo. Ricordiamo inoltre che dal tuo browser è possibile cancellare la cache e tutti i cookies principali. Utilizziamo cookies di terze parti e proprietari. Per maggiori informazioni ti invitiamo a consultare la Cookies Policy

Acconsento