Il tuo browser non supporta JavaScript!

Leopardi scese dal Vesuvio e si fermò a Trieste

07.02.2016
Da "Lettura-Corriere della Sera”, Franco Manzoni, su Leopardi a Trieste con Virgilio Giotti

«In esergo alla premessa, è posta un'acuta considerazione profetica di Claudio Magris: "Penso che — tardi, ma mai troppo tardi — Giotti inizi la sua strada nel mondo, per essere riconosciuto nella sua sommessa, ritrosa e assoluta grandezza". Con la possibilità finalmente di uscire dal ghetto del vernacolo, per affermare che Giotti è uno dei maggiori poeti italiani del Novecento».


Leopardi a Trieste con Virgilio Giotti

a cura di Anna De Simone

editore: Interlinea

pagine: 168

"Penso che - tardi, ma mai troppo tardi - Giotti inizi la sua strada nel mondo, per essere riconosciuto nella sua sommessa, ritrosa e assoluta grandezza".

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.