Il tuo browser non supporta JavaScript!

Nosgnor, canzoniere dolente e religiosissimo per un Dio che sfugge

Recensione di: Nosgnor
30.03.2020
Da "La Repubblica Torino", Maurizio Crosetti su "Nosgnor" di Giovanni Tesio

«In piemontese, Signore si dice Nosgnor (nusgnùr). Nostro Signore: dove nostro e Signore si fondono in un'unica parola. In dialetto si può dare del tu a Dio e dirgli sei mio, come gli amati si sussurrano tra loro. E come per gli amati valgono le stesse domande senza risposta, i medesimi tormenti, chissà dov'è davvero l'altro, chissà chi è, chissà se c'è. Neppure il poeta sa se Dio esista, lo coglie anzi un forte sospetto d'inesistenza, eppure chiamarlo è così importante. Non so se ci sei, ma intanto ascoltami. Non so se ci sei ma qui ci sono io, io esisto e ho bisogno di te. E' religiosissimo e dolente questo "Nosgnor" (Interlinea) sillabato in sonetti da Giovanni Tesio, che ormai ci ha abituati a questa misura del canto e del ritmo. In italiano non sarebbe davvero la stessa cosa, anzi non sarebbe proprio. Non sarebbe così concreta, aspra e ruvida la voce che s'alza verso un cielo forse vuoto o forse no. Una voce è appuntita come l'ago che prova a bucare il silenzio, quell'immensità muta, forse indifferente a tutti noi che qui sotto gemiamo, in queste ore poi.»

Nosgnor

Lamenti, preghiere e poesie in cerca di un Dio vicino e lontano

di Giovanni Tesio

editore: Interlinea

pagine: 224

Un diario letterario di preghiera di Giovanni Tesio per invocare Dio attraverso la profonda semplicità della poesia dialettale: «qui c’è non altro che parole: parole che tentano se mai di dire un pianto».

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.