Il tuo browser non supporta JavaScript!

Il teatro che viene dal lago

Dove

via Roma 2 Pella (NO)

Quando

venerdì 22 febbraio 2019
dalle 21.00 alle 22.00
Lettura teatrale dal libro di Laura Pariani e Nicola Fantini "Il lago dove nacque Zarathustra", con gli autori e Franco Acquaviva. Parte della rassegna "Triangolazioni di pensiero" organizzata dal Teatro delle Selve.
Triangolazioni di pensiero è una rassegna che fa interagire tre spazi a diversa vocazione posti sulla riviera occidentale del lago d’Orta, e intende sperimentare nuovi punti di vista a partire dalla cultura e dalla letteratura, alla ricerca di inediti accostamenti di pensieri e di pratiche artistiche.
Un Teatro, un Museo e un Hotel giocano a triangolarsi incontri, ospiti, temi, linguaggi, nel tentativo di cogliere e interpretare un auspicabile spirito di confronto e di incontro, e di sperimentare una diversa abitabilità degli spazi e dei luoghi.
La stagione Vado a Teatro!/Teatro degli Scalpellini e il Museo del Rubinetto, a San Maurizio d’Opaglio, insieme all’hotel Casa Fantini Lake Time a Pella, sono le sedi che ospiteranno i 9 incontri della rassegna a partire dall’8 febbraio fino al 24 maggio.
Ideazione e organizzazione: Franco Acquaviva, Andrea Del Duca, Emanuela Valeri.

Tag:
Il lago dove nacque Zarathustra
Guida letteraria di Orta
Nicola Fantini, Laura Pariani
Una guida d’autore al lago d’Orta che si legge come un libro di racconti. Il lago di Gianni Rodari, l’antico Cusio tra Piemonte e Lombardia, è stato teatro di incontri indelebili, come quello di Nietzsche con Lou Salomé da cui nacque Così parlò Zarathustra e al centro del romanzo La foto di Orta di Laura Pariani, che con Nicola Fantini qui accompagna il lettore con citazioni letterarie tra la piazzetta, la salita al Sacro Monte, il cimitero e i dintorni. Sulle rive visitate dal Grand Tour dell’Ottocento gli scrittori hanno sempre lasciato testimonianze in poesie e prosa, da Manzoni a Gadda su Villa Crespi, dagli Alpinisti ciabattoni dello scapigliato Cagna a Martin Mystère. Un lago di carta e di parole che rende letteraria la geografia e magico il borgo di Orta davanti all’isola di San Giulio: «ma cos’ha il lago d’Orta di tanto particolare?» Il segreto in queste pagine: per un itinerario vero e immaginario.


Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.