Il tuo browser non supporta JavaScript!

Il premio Viareggio a "Dolore minimo" di Giovanna Cristina Vivinetto

Il premio Viareggio a un’opera prima pubblicata da Interlinea

Premio Opera prima a Dolore minimo di Giovanna Vivinetto. Il caso letterario e mediatico dell’autobiografia della giovanissima autrice siciliana, una storia di transizione osannata dalla critica e attaccata da integralisti sui social, ha convinto la giuria del prestigioso premio. Sabato 24 agosto 2019 la cerimonia: un riconoscimento all’impegno in poesia di Interlinea e alla collana “Lyra giovani” a cura di Franco Buffoni. Il direttore editoriale Roberto Cicala: «uno stimolo a credere sempre più nei giovani senza dimenticare la tradizione: per questo pubblicheremo inediti di Rebora, Erba e Orelli».
Dolore minimo, vincitore del premio Viareggio Opera prima 2019, è la storia in versi di una transizione, l’autobiografia della giovanissima Giovanna Cristina Vivinetto, poetessa classe 1994, pubblicata da Interlinea nella collana “Lyra”.
Giovanna Vivinetto, studentessa siciliana alla Sapienza di Roma, è la prima poetessa italiana transessuale, al centro di un caso letterario e mediatico: osannata dalla critica ma e attaccata da integralisti sui social, con una reazione molto vasta.
Dacia Maraini l’ha scoperta con Franco Buffoni, che cura “Lyra giovani” presso Interlinea, dove l’opera è uscita con una nota finale di Alessandro Fo. Dopo l’anticipazione della prefazione, della stessa Maraini su un quotidiano, la giovane poetessa è stata attaccata violentemente da un gruppo integralista senza neppure leggere il libro, con notizia sui siti on line che è entrata tra le news più lette del giorno. Nel giro di 48 ore Dolore minimo è arrivato in testa nella classifica dei libri più venduti di poesia di Amazon tanto da bruciare la prima edizione in poche settimane. Interlinea ha già tirato due edizioni e l’autrice ha vinto piccoli premi prima del Viareggio e partecipato a molti dibattiti, uno alla fiera dell’editoria all’Eur di Roma lo scorso dicembre con MonicaCirinnà, la senatrice che ha promosso la legge che porta il suo nome sulle unioni civili in Italia.
Scrive Dacia Maraini nella prefazione che «il suo continuo essere e non essere quel corpo, vedersi diventare a poco a poco un’altra persona, la gioia, la sorpresa e anche il senso di vuoto di quella nuova nascita, è raccontato col ritmo serrato e affascinante della sua dolente lingua poetica».
Il «dolore minimo» del titolo esprime la complessa condizione transessuale pronunciata con grande potenza poetica, volta a infrangere, per la prima volta in Italia, il muro del silenzioso tabù culturale. La giovane autrice racconta la sua rinascita luminosa con versi, delicati e profondissimi al tempo stesso, che hanno fatto parlare di caso letterario dell’anno: «Quando nacqui mia madre / mi fece un dono antichissimo. / Il dono dell’indovino Tiresia: / mutare sesso una volta nella vita», narra Giovanna Cristina Vivinetto, che, in questo dirompente diario in versi, confessa: «non mi sono mai conosciuta / se non nel dolore bambino / di avvertirmi a un tratto / così divisa. Così tanto parziale».
Il premio valorizza una delle collane più prestigiose di poesia, “Lyra”, fondata da Maria Corti e Luciano Erba con Franco Buffoni, Giovanni Tesio e l’editore Roberto Cicala, che continuano a dirigerla con Daniele Piccini, Giancarlo Pontiggia e Stefano Verdino. Con testi e inediti dei maggiori autori, come Mario Luzi, Clemente Rebora, Seamus Heaney e Hans Magnus Enzerberger, sta ora pubblicando l’intera opera in versi dello svizzero Giovanni Orelli e ha una sezione, “Lyra giovani”, dove Franco Buffoni seleziona i migliori nuovi poeti italiani. La collana si caratterizza anche per una serie di fortunate antologie (da Cento poesie d’amore a cura di Guido Davico Bonino a Poeti innamorati a cura di Patrizia Valduga) nella rigorosa veste editoriale di colore grigio in formato tascabile.
Dolore minimo è stato scelto come migliore Opera prima dell’anno dalla giuria del Viareggio presieduta da Simona Costa e composta da Maria Pia Ammirati, Marino Biondi, Luciano Canfora, Ennio Cavalli, Marcello Ciccuto, Franco Contorbia, Francesca Dini, Paolo Fabbri, Piero Gelli, Emma Giammattei, Sergio Givone, Giovanna Ioli, Giuseppe Leonelli, Mario Graziano Parri, Gabriele Pedullà, Federico Roncoroni, Anna Maria Torroncelli. La segretaria letteraria è Costanza Geddes da Filicaia. Durante la cerimonia del premio presso il Principino di Viareggio lo scrittore Paolo Di Paolo ha presentato l’autrice di Interlinea e ha letto la motivazione firmata dalla giurata Giovanna Ioli.

Clicca qui per vedere la premiazione



Dolore minimo

di Giovanna Cristina Vivinetto

editore: Interlinea

pagine: 148

Il «dolore minimo» del titolo esprime la complessa condizione transessuale pronunciata con grande potenza poetica, volta a infrangere, per la prima volta in Italia, il muro del silenzioso tabù culturale. La giovane autrice racconta la sua rinascita luminosa con versi, delicati e profondissimi al tempo stesso, che hanno fatto parlare Dacia Maraini e Alessandro Fo di caso letterario dell’anno. «Quando nacqui mia madre / mi fece un dono antichissimo. / Il dono dell’indovino Tiresia: / mutare sesso una volta nella vita», narra Giovanna Cristina Vivinetto, che, in questo dirompente diario in versi, confessa: «non mi sono mai conosciuta / se non nel dolore bambino / di avvertirmi a un tratto / così divisa. Così tanto parziale».

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Giovanna Cristina Vivinetto premio Opera prima al Premio Viareggio

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.