Il tuo browser non supporta JavaScript!

L'amore nella distanza della scrittura

Recensione di: Vera deve morire
02.06.2018
Da "La Nuova di Venezia e Mestre", Roberto Lamantea, su Vera deve morire di Julian Zhara

«Tutto questo rigore della scrittura si traduce in un libro affascinante. Il lavoro stilistico non toglie, anzi dona, naturalezza al testo: la pagina di Julian è una action poetry, è una parola danzata non cantilenata. Anche Vera deve morire è un tessuto di variazioni sul tema e uno dei cuori incandescenti del libro è, inevitabilmente, l'identità: anche l'amore ha bisogno di una lingua per dirsi: "La nostra condanna forse sta proprio qua: / nel vederci chiaro in assenza della vista, / delle parole sapere solo lo scarto, / e quanto a noi due, soltanto la distanza".
A pagina 13 c'è un verso che è un capolavoro: dopo una festa in salotto ci sono "bicchieri dispersi come momenti di gioia situati a caso"».

Vera deve morire

di Julian Zhara

editore: Interlinea

pagine: 64

«parole semplici, poche, dentro la bocca / come il picchiettìo del rubinetto / chiuso male»

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito web utilizza cookies per aiutare a migliorare i servizi e le informazioni ai suoi visitatori. Se continui ad usare questo sito ne accetti implicitamente l'utilizzo. Ricordiamo inoltre che dal tuo browser è possibile cancellare la cache e tutti i cookies principali. Utilizziamo cookies di terze parti e proprietari. Per maggiori informazioni ti invitiamo a consultare la Cookies Policy

Acconsento