Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Montale, la poesia ambientalista

Recensione di: Quaderni montaliani 3
20.02.2024
Quaderni montaliani 3 Da "La Sicilia", Francesco Mannoni su Quaderni montaliani 3

«Un Montale ecologista ante litteram?
"Certo, tanto che in un'intervista del '73 su "Epoca" dice: "Tornando a ciò che l'uomo e stato ed è in questo secolo, lei lo sa, oggi si pensa in termini di ecologia, che poi è una forma di escatologia. […] Anche per l'uomo possono crearsi situazioni nel mondo che renderebbero la vita primordiale, inaccettabile: possono sorgere epidemie, malattie nuove».

Quaderni montaliani 3

rivista: Quaderni montaliani

pagine: 168

Il terzo annuario montaliano presenta due nuove acquisizioni per il Montale poeta: l’edizione di un inedito assoluto in versi, individuato tra le carte del Centro Manoscritti di Pavia; e la fondata attribuzione a Montale delle versioni poetiche per una celebre messa in scena del Sogno di una notte d’estate al primo Maggio Musicale Fiorentino del 1933. Completa la sezione Testi la pubblicazione di quattro lettere di Montale a Mario Luzi. La sezione Saggi e note si apre con uno studio su Montale traduttore; seguono la ricostruzione di un reportage, apparso sul “Corriere della Sera” sulle città degli scrittori e corredato con il recupero di un articolo disperso, e l’appuntamento con la prospettiva di un poeta, in questo caso Enrico Testa. Chiudono il fascicolo la bibliografia relativa al biennio 2011-2012 e le recensioni. In limine un ricordo di Bianca Montale, preziosa e generosa interlocutrice degli studi montaliani. Hanno collaborato a questo numero: Stefano Carrai, Francesca Castellano, Franco Contorbia, Ida Duretto, Gianfranca Lavezzi, Anna Nozzoli, Paolo Senna, Enrico Tatasciore, Enrico Testa, Stefano Verdino.   

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.