Il tuo browser non supporta JavaScript!

Pini, poesie per Milano e per le ore di mezzo

Recensione di: Mandato a memoria
24.09.2020
Da "Il Mattino", Alessandra Pacelli su Mandato a memoria di Stefano Peter Pini

«Un'indagine poetica nello spazio e nel tempo, lì dove lo spazio è incarnato da un luogo preciso, Milano, e il tempo è invece racchiuso in quei momenti sfuggenti, quelle "ore di mezzo", "ore insondabili" che si aprono sui piccoli baratri del  quotidiano»

Mandato a memoria

di Stefano Pini

editore: Interlinea

pagine: 96

«La piega dei fogli che ho letto» e un «labirinto tra i campi» sono le tracce di un ritorno all’origine delle parole che Stefano Pini compie provando a esprimere l’indicibile che è il nervo sempre scoperto della poesia. È un tempo della memoria, proiettata nelle ombre del contemporaneo, da mappare come un reticolo urbano in una Milano dove «accadevano seconde e terze vite». Luoghi, paesaggi e città, personaggi misteriosi e ossessioni di una modernità cresciuta sulle macerie del muro di Berlino e approdata alla stentorea fissazione digitale si incontrano in un pendolarismo imperfetto tra metropoli e provincia, privato e pubblico. In questo «tempo sospeso» la parola riesce a far riemergere i lettori, come palombari dalle profondità, anche se nessuno spiega questa «azione sacra / che spera».

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.