Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Spettri e amori traditi li racconta dal Piemonte “Il fantasma del palazzo”

06.12.2019
Il fantasma del palazzo e altri racconti Da "Il Piccolo", Pietro Spirito su Il fantasma del palazzo e altri racconti di Renzo S. Crivelli

«Passato e presente si intersecano, seguendo il filo di destini incrociati, nei racconti di Renzo S. Crivelli, perché il seme di ciò che è stato germoglia nel tempo e il suo frutto, spesso amaro, può manifestarsi a distanza, a volte nella forma di un fantasma pronto a presentare il conto di antiche colpe ed omissioni. Oppure evocare altre storie, altre figure e destini di un’umanità dolente. [...] Salendo dentro la gigantesca statua cava di San Carlo Borromeo, il Colosso che si innalza sopra la strada che collega Arona con Dagnente, lungo le sponde del Lago Maggiore, i ricordi del vedovo corrono a cinquant’anni prima, quando il futuro era ancora da scrivere: “Quando si vive immersi totalmente nel tempo non si ha la percezione di quanto esso duri. Tutto è presente, immediato, avvolgente come un mantello che preserva dalla pioggia e dal vento”. E quando il dolore bussa alla porta, rimane la consapevolezza che “nulla poteva essere mai finito, e tutto ritorna per sempre, per riprendere daccapo”. Il ritorno, l’esigenza di riavvolgere il nastro del tempo alla ricerca di un rinnovato senso dell’esistenza, o di una catarsi, è un altro dei fili narrativi che innervano i racconti di Crivelli. ».

Il fantasma del palazzo e altri racconti

di Renzo S. Crivelli

editore: Interlinea

pagine: 192

Sentimenti, mistero e spiritualità nel Piemonte Orientale

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.