Il tuo browser non supporta JavaScript!

Tommaso Di Dio: "La poesia produce il silenzio dei segni per ascoltare altro"

Recensione di: Verso le stelle glaciali
14.06.2020
Da "La Sicilia", Grazia Calanna su "Verso le stelle glaciali" di Tommaso Di Dio

«La poesia è uno degli strumenti che la tradizione umana ha lavorato per fermare il discorso. L'uomo parla, scrive, produce segni, lo fa in continuazione; la poesia invece è quel segno che interrompe lo scorrere inavvertito dei  segni: produce il silenzio dei segni, potremmo dire».

Verso le stelle glaciali

di Tommaso Di Dio

editore: Interlinea

pagine: 160

Quattro itinerari poetici per perdersi tra sogno e realtà.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito web utilizza cookies per aiutare a migliorare i servizi e le informazioni ai suoi visitatori. Se continui ad usare questo sito ne accetti implicitamente l'utilizzo. Ricordiamo inoltre che dal tuo browser è possibile cancellare la cache e tutti i cookies principali. Utilizziamo cookies di terze parti e proprietari. Per maggiori informazioni ti invitiamo a consultare la Cookies Policy

Acconsento