Il tuo browser non supporta JavaScript!

Abbarbicato all'aldiquà, in Svizzera

Recensione di: L'opera poetica
19.04.2020
Da "La Lettura", Daniele Piccini su "L'opera poetica" di Giovanni Orelli

«Eco di altre possenti costruzioni (prima di tutto la Commedia dantesca, sempre evocata), la poesia di Orelli è solo gioco colto e magari manieristico?La risposta non è semplice e il lettore è spesso in dubbio di fronte a questo smaliziato autore, maestro di plurilinguismo. Il fatto è che la sua vicenda di poeta (ora tutta percorribile in L'opera poetica con  inediti, introduzione di Pietro Gibellini, con una nota critica di Massimo Natale, Interlinea) si colloca all'incontro tra spinte e ragioni diverse. Un equilibrista, lo potremmo considerare »

L'opera poetica

Con inediti

di Giovanni Orelli

editore: Interlinea

pagine: 720

In un solo libro l’intera opera di un autore di cui non si può fare a meno perché come pochi altri ha saputo raccontare in poesia la sua Svizzera tra valli e città, l’amore familiare tra eros e thànatos e la passione per i libri. Giovanni Orelli (1928-2016) è stato «scrittore versatile e uomo intero», ma anche «poeta-profeta», come lo descrive Pietro Gibellini nell’introduzione. Partendo dalla narrativa e dalla critica militante è arrivato alla poesia con una parola che sempre salva perché «guizza dal cervello al cuore».

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito web utilizza cookies per aiutare a migliorare i servizi e le informazioni ai suoi visitatori. Se continui ad usare questo sito ne accetti implicitamente l'utilizzo. Ricordiamo inoltre che dal tuo browser è possibile cancellare la cache e tutti i cookies principali. Utilizziamo cookies di terze parti e proprietari. Per maggiori informazioni ti invitiamo a consultare la Cookies Policy

Acconsento