Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Con Darwin e Leopardi ci si fa piccoli piccoli

02.01.2023
Le piante di Darwin e i topi di Leopardi Da "la Lettura", Daniele Giglioli su Le piante di Darwin e i topi di Leopardi di Antonella Anedda

«Tanto vale esplicitare senza troppi imbarazzi i motivi di dubbio, perplessità, rovello ma anche potenziale fascinazione suscitati dal nuovo libro di Antonella Anedda, Le piante di Darwin e i topi di Leopardi, un saggiosaggio, non un eserciziodi poesia  in prosa. Quando un autore o una autrice ti sta molto a cuore sei costretto a farlo, glielo devi. Il succo della faccenda è questo. Tanto Leopardi quanto Darwin non credevano ad alcuna posizione privilegiata del genere umano nel cosmo e nella molteplicità delle specie. Nessuna teleologia, nessuno scopo, nessun disegno intelligente o anche solo maligno. Principio dinamico della vita sulla Terra è la trasformazione dei generi attraverso la morte degli individui: poco da stare allegri. Mai incontratisi per ragioni cronologiche, si erano forse però parlati a distanza tramite i testi di Erasmus Darwin, nonno di Charles, in cui già fermentavano idee evoluzioniste e che Giacomo Leopardi possedeva e aveva letto quasi di sicuro».

LEGGI L'ARTICOLO

Le piante di Darwin e i topi di Leopardi

di Antonella Anedda

editore: Interlinea

pagine: 304

Tra natura e letteratura questo libro è il racconto appassionato di un confronto tra idee, parlando di animali e di tre autori: Giacomo Leopardi, Erasmus Darwin e suo nipote Charles. Come ha scritto Osip Mandel’stam dei naturalisti, leggerli può spalancare nella nostra vita una radura e, in particolare, «leggere Darwin ci rende attenti, la sua sete di esperienza lo rende affidabile come un reporter sul campo». In queste pagine si svela come riscoprire Leopardi in chiave naturalistica ha un significato particolare per «capire che siamo fragili, caduchi. Infatti quando Leopardi scrive La ginestra ha imparato davvero a morire, il suo riso è diventato una forma di bontà, ridendo nello stesso modo di sé, prima che degli altri».

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.