Il tuo browser non supporta JavaScript!

Grati di essere qui. Ma disaffezionati a un presente opaco

Recensione di: L'impazienza
29.04.2020
Da "Il Manifesto", Niccolò Nisivoccia su "L'impazienza" di Renato Pennisi
«Lo vediamo ora anche nella sua ultima silloge L 'impazienza, edita da Interlinea (pp. 88, euro 12). In realtà, le poesie contenute si offrono a due possibili letture: la prima consiste nell'abbandonarsi al soffiare del vento, al lirismo, all'eleganza delle immagini, alla sapienza dei versi nella loro costruzione interna, nella successione delle strofe (spesso quartine), nelle rime.
DESCRIVE E RACCONTA,
Pennisi,ciò che vede intorno a sé e le reazioni che il circostante gli provoca, il modo in cui il fuori precipita nel dentro. Eppure dietro questo racconto apparentemente intimo, quasi solo interiore, sembra nascondersi anche un ordito diverso, pubblico o perfino politico: ed è forse questo ulteriore racconto, questa possibile seconda lettura, più della prima, a dare ragione dei titoli stessi della raccolta e delle singole parti che la compongono. In altre parole, non sembra essere il cielo interiore il vero protagonista di questi versi, a ben vedere, ma il tempo che stiamo attraversando. Certo: non esiste pubblico senza privato né politico senza personale, per il semplice motivo che ogni collettività è la somma di tante individualità, e quindi i due poli si specchiano sempre l'uno nell'altro, sempre si influenzano a vicenda. Ma è sul "pubblico", se non ci si sbaglia, che Pen­nisi concentra di più la propria attenzione.»

L'impazienza

di Renato Pennisi

editore: Interlinea

pagine: 88

«Abbaglia il bianco della pagina» dove «le storie i libri si consumano»

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito web utilizza cookies per aiutare a migliorare i servizi e le informazioni ai suoi visitatori. Se continui ad usare questo sito ne accetti implicitamente l'utilizzo. Ricordiamo inoltre che dal tuo browser è possibile cancellare la cache e tutti i cookies principali. Utilizziamo cookies di terze parti e proprietari. Per maggiori informazioni ti invitiamo a consultare la Cookies Policy

Acconsento