Il tuo browser non supporta JavaScript!

La parola che trascende l'autore: il carteggio fra Angelini e Contini

Recensione di: Critica e carità
29.06.2021
Da "Avvenire", Bianca Garavelli su Critica e carita di , « In queste lettere l'emozione nasce anche dalla riscoperta di un mondo letterario che sullo studio della parola era stato vivace e innovativo, già dai primi anni Sessanta: l'Università di Pavia, con le figure chiave di Lanfranco Caretti, Cesare Segre e una Maria Corti ancora per poco docente liceale, ma già assidua frequentatrice di quell'ateneo a cui avrebbe dato negli anni successivi un contributo importantissimo. Angelini la considera "donna di gusto sicuro", e intanto scherza con Contini sul ritratto che di Pavia aveva fatto Foscolo, chiamandola "città incavernata in fondo della Lombardia": in realtà, una vera grotta delle meraviglie per le future generazioni di letterati e scrittori.»

LEGGI L'ARTICOLO
Tag:

Critica e carità

Lettere (1934-1965)

di Cesare Angelini e Gianfranco Contini

editore: Interlinea

pagine: 144

Le lettere tra Gianfranco Contini e Cesare Angelini in questo volume che mostra fra i due «il senso di un’amicizia ritrovata una consolante somiglianza d’anima»

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito web utilizza cookies per aiutare a migliorare i servizi e le informazioni ai suoi visitatori. Se continui ad usare questo sito ne accetti implicitamente l'utilizzo. Ricordiamo inoltre che dal tuo browser è possibile cancellare la cache e tutti i cookies principali. Utilizziamo cookies di terze parti e proprietari. Per maggiori informazioni ti invitiamo a consultare la Cookies Policy

Acconsento