Il tuo browser non supporta JavaScript!

L'Inferno allegro del Porta nel settecentesimo di Dante

31.05.2021
Dal "Corriere del Ticino", Matteo Airaghi su L'inferno di Dante riscritto in milanese di Carlo Porta, a cura di , .


 «Sospesa com'è tra emulazione e parodia, tra slancio verso il sublime e controcanto comico­realistico, la ricreazione dialettale produce un testo originale e assai godibile. Dispersi qua e là nelle edizioni delle poesie portiane, i frammenti dell'Inferno milanese sno ora nel volume edito da Interlinea  riuniti, ordinati e riprodotto a fronte dell'originale dantesco. Come detto il libro è introdotto da un ampio saggio di Pietro Gibellini e reca le retroversioni in italiano approntate da Massimo Migliorati. L'allegria è qui un filo che, pur variando di colore e misura, cuce le poesie portiane facendone un compatto organismo.»


LEGGI L'ARTICOLO

L’Inferno di Dante riscritto in milanese

di Carlo Porta

editore: Interlinea

pagine: 136

La prima traduzione del poema di Dante in un dialetto italiano si deve a Carlo Porta. L’Inferno in versi milanesi, seppur frammentario, rappresenta il vero inizio della poesia portiana.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito web utilizza cookies per aiutare a migliorare i servizi e le informazioni ai suoi visitatori. Se continui ad usare questo sito ne accetti implicitamente l'utilizzo. Ricordiamo inoltre che dal tuo browser è possibile cancellare la cache e tutti i cookies principali. Utilizziamo cookies di terze parti e proprietari. Per maggiori informazioni ti invitiamo a consultare la Cookies Policy

Acconsento