Il tuo browser non supporta JavaScript!

3. Calcio e discriminazione. Il caso dell’allenatore ad Auschwitz (colloquio con Giovanni Cerutti)

3. Calcio e discriminazione. Il caso dell’allenatore ad Auschwitz (colloquio con Giovanni Cerutti) 3. Calcio e discriminazione. Il caso dell’allenatore ad Auschwitz (colloquio con Giovanni Cerutti)
Il calcio è ancora fatto di discriminazioni? La Shoah investì anche lo sport? «Ogni singola storia che emerge dalla vicenda dello sterminio è irredenta e irredimibile. Non ci sono significati umani che la possano riscattare» scrive lo storico e saggista Giovanni Cerutti nel libro L’allenatore ad Auschwitz che ricostruisce la storia dello sterminio del popolo ebraico attraverso una vicenda particolare, quella dell’ungherese Árpád Weisz, tra i più grandi allenatori degli anni trenta, colui che introdusse per primo gli schemi nel campionato italiano, fu commissario tecnico dell’Inter (dove scoprì Giuseppe Meazza) ma anche del Novara e del Bologna, fino all’espulsione dall’Italia, in seguito alle leggi razziali, e alla tragica fine nel lager di Auschwitz. Un racconto con riflessioni ancora attuali. Podcast di Roberto Cicala.
Tag:

L’allenatore ad Auschwitz

Árpád Weisz: dai campi di calcio italiani al lager

di Giovanni A. Cerutti

editore: Interlinea

pagine: 128

Calcio e discriminazione: la storia di Árpád Weisz il grande allenatore degli anni trenta che scoprì Giuseppe Meazza, costretto dalle leggi razziali dai campi di calcio italiani al lager.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.