Il tuo browser non supporta JavaScript!

Riscopriamo I caffè storici d'Italia da Torino a Napoli

Torna un libro di culto degli anni trenta su figure, ambienti, aneddoti ed epigrammi, con illustrazioni d’epoca, dei maggiori caffè storici italiani da Torino a Napoli: «una fotografia di qualità di un aspetto della storia italiana che sta perdendo la sua specificità» (dalla presentazione attuale di Stefano Giannini). Come annota l’autore salottiero, «l’uomo che entra nel gabinetto di toeletta della propria moglie – ha scritto Balzac – è un filosofo o è un imbecille: quello che entra al caffè o all’osteria è uno avviato alla conoscenza della morale». Dai locali risorgimentali della prima capitale d’Italia alla Milano Belle Époque passando per i caffè delle maggiori città italiane (da Pavia a Bologna, da Padova a Venezia, da Lucca a Firenze fino al golfo partenopeo): luoghi per tutti eppure salotti di cultura; perché, come scrive Valéry, «la vita di caffè non nuoce alla considerazione, perché la fanno non solo gli oziosi, ma anche i primi magistrati e anche i ministri».

I caffè storici d’italia da Torino a Napoli

Figure, ambienti, aneddoti, epigrammi. Con illustrazioni e ritratti

di Nino Bazzetta de Vemenia

editore: Interlinea

pagine: 160

Torna un libro di culto degli anni trenta su figure, ambienti, aneddoti ed epigrammi, con illustrazioni d’epoca, dei maggiori caffè storici italiani da Torino a Napoli: «una fotografia di qualità di un aspetto della storia italiana che sta perdendo la sua specificità» (dalla presentazione attuale di Stefano Giannini). Come annota l’autore salottiero, «l’uomo che entra nel gabinetto di toeletta della propria moglie – ha scritto Balzac – è un filosofo o è un imbecille: quello che entra al caffè o all’osteria è uno avviato alla conoscenza della morale». Dai locali risorgimentali della prima capitale d’Italia alla Milano Belle Époque passando per i caffè delle maggiori città italiane (da Pavia a Bologna, da Padova a Venezia, da Lucca a Firenze fino al golfo partenopeo): luoghi per tutti eppure salotti di cultura; perché, come scrive Valéry, «la vita di caffè non nuoce alla considerazione, perché la fanno non solo gli oziosi, ma anche i primi magistrati e anche i ministri».

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.