Il tuo browser non supporta JavaScript!

«L'uso dell'asterisco per me è violenza»

Recensione di: Dolore minimo
23.10.2020
Da "Sette", Luca Masterantonio sulla raccolta poetica Dolore minimo di Giovanna Cristina Vivinetto

«Non è facile diventare sé stessi, ciò che sentiamo di essere, e venire accettati, amati, premiati persino. Giovanna Cristina Vivinetto c'è riuscita, benché sia nata Giovanni, in Sicilia, 26 anni fa. Il merito? Della famiglia, che ha saputo capire; della scuola, dove hanno rispettato la transizione da Giovanni a Giovanna; dei medici, arrivati con scrupolo alla diagnosi di "disforia di genere", cioè vivere con disagio la propria identità sessuale di partenza (disforia è il  contrario di euforia); e della poesia, che da conforto adolescenziale è diventato espressione di una identità che è sbocciata nei versi di Dolore minimo (Interlinea), sorprendente esordio che nel 2018 ha sollevato rigurgiti di  reazionari cattolici, plausi della critica, successo di pubblico e premi. Ovviamente il merito principale è suo, di lei, Giovanna Cristina, che protesta se le metti l'asterisco».

LEGGI L'ARTICOLO

Dolore minimo

di Giovanna Cristina Vivinetto

editore: Interlinea

pagine: 148

Il diario in versi di una giovane poetessa transessuale, Giovanna Cristina Vivinetto abbatte un tabù culturale con la poesia

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito web utilizza cookies per aiutare a migliorare i servizi e le informazioni ai suoi visitatori. Se continui ad usare questo sito ne accetti implicitamente l'utilizzo. Ricordiamo inoltre che dal tuo browser è possibile cancellare la cache e tutti i cookies principali. Utilizziamo cookies di terze parti e proprietari. Per maggiori informazioni ti invitiamo a consultare la Cookies Policy

Acconsento