Il tuo browser non supporta JavaScript!

Postumi della sbornia verista in poesia

Recensione di: Letto, latrina e cantina
06.05.2022
Da "Sette - Corriere della Sera", Luca Mastrantonio su Letto, latrina e cantina. La poesia verista in Italia di Giuseppe Iannaccone

«Esemplare ll canto dell'odio del Guerini, per l'amata non più amata, testo «trash cadaverico che riaggiorna il motivo scapigliato della vendetta postuma», nota Giuseppe lannaccone, curatore dell'antologia Letto, latrina e cantina (Interlinea), che ci riporta a una stagione dove in nome di Bacco, tabacco e Venere si profanava il poeticamente corretto.»

LEGGI L'ARTICOLO

Letto, latrina e cantina

La poesia verista in Italia

a cura di Giuseppe Iannaccone

editore: Interlinea

pagine: 280

«Una celebrazione della vita terrena e dell’amore carnale»: così Benedetto Croce ha definito la lirica “verista” che alla fine dell’Ottocento mira a rappresentare la realtà senza ipocrisie, compiacendosi di descrivere situazioni disgustose, amori mercenari, sentimenti triviali, insomma gli aspetti più scabrosi della quotidianità. Per la prima volta sono raccolti in un’antologia i versi di autori noti, meno noti e sconosciuti, protagonisti di una tendenza poetica finora ignorata o appena citata nelle storie letterarie. Come ribadito da Croce, è «un punto di rivolgimento nella storia della poesia italiana». Testi e schede di Francesco Cimmino, Corrado Corradino, Gabriele ’Annunzio, D’ernano, Carlo De Lieto, Ferdinando Fontana, Pier Enea Guarnerio, Olindo Guerrini, Domenico Milelli, Enrico Onufrio, Girolamo Ragusa Moleti, Vittorio Salmini, Antonio Scano, Giacinto Stiavelli, Ulisse Tanganelli e Felice Giacomo Vitale.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.