Il tuo browser non supporta JavaScript!

Hans Magnus Enzensberger

Hans Magnus Enzensberger
autore
Interlinea
Hans Magnus Enzensberger, poeta, saggista, traduttore, editore, autore di opere teatrali e narrative, è nato l'11 novembre 1020 a Kaufbeuren, nelle Alpi fra baviera e Svezia. È uno dei più letti, autorevoli e polimorfi scrittori europei. Fin dai suoi esordi, fra anni cinquanta e sessanta, ha mostrato una mobilità culturale e una versatilità letteraria straordinarie, svolgendo un ruolo di mediazione e provocazione che non ha conosciuto interruzioni nel corso dei decenni e che continua tuttore. Dopo aver fatto parte del Gruppo 47, con Böll, Grass, la Bachmann, ha fondato una rivista culturale e politica importante come "Kursbuch" e più tardi, all'inizio degli anni ottanta, una rivista più personale e fantasiosa come "TransAtlantik" ("L'Altra Biblioteca") nella quale pubblica mensilmente libri del più vario genre, seguendo il gusto e gli interessi.
Come poeta, considerato fin dal suo primo libro un erede sia di Brecht sia Benn, ha acquistato fama internazionale soprattutto con due veri e prorpio poemi, Mausoleum (Einaudi, Torino 1979) e La fine del Titanic (ivi, 1980), sulle ambiguità e le impasse della nostra idea di progresso. Le raccolte di poesie (di cui qui ricordiamo quelle uscite in traduzione italiana) sono numerose: Poesie per chi non legge poesia (Feltrinelli, Milano 1964), La Furia della caducità (SE, Milano 1987), Musica del futuro (Einaudi, Torino 1997), Più leggeri dell'aria (ivi 2001) e Il teatro dell'intelligenza (Interlinea, 2002).
I più noti volumi di saggi sono Questioni di dettaglio (Feltrinelli, Milano 1965), Ah, Europa (Garzanti, Milano 1989), La grande migrazione (Einaudi, Torino 1993), Prospettive sulla guerra civile (ivi, 1994), Politica e crimine (Bollati Boringhieri, Torino 1998), Zig zag (Einaudi, Torino 1999).
Gli interessi di Enzensberger spaziano dalla letteratura alla storia e alla sociologia, senza escludere una curiosità costante per le scienze naturali e la matematica. Proprio sulla matematica, nel tentativo di renderne meno arido e persecutorio l'insegnamento, Enzensberger ha scritto un romanzo didattico-fiabesco come Il mago dei numeri (ivi, 1997), che è diventato rapidamente un successo internazionale. Poco dopo è seguito un libro di analogo stile e inetento, questa volta sulla storia: Ma dove sono finito? (ivi, 1998).
Nel corso della sua vita Enzensberger è vissuto per periodo più o meno lunghi in diversi paesi: Norvegia, Italai, Cuba, Stati Uniti. Attualmente risiede a Monaco di Baviera.

Libri dell'autore

Il teatro dell'intelligenza

di Hans Magnus Enzensberger

editore: Interlinea

pagine: 84

Una nuova silloge del poeta tedesco Hans Magnus Enzensberger con inediti assoluti.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito web utilizza cookies per aiutare a migliorare i servizi e le informazioni ai suoi visitatori. Se continui ad usare questo sito ne accetti implicitamente l'utilizzo. Ricordiamo inoltre che dal tuo browser è possibile cancellare la cache e tutti i cookies principali. Utilizziamo cookies di terze parti e proprietari. Per maggiori informazioni ti invitiamo a consultare la Cookies Policy

Acconsento