Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Interlinea, piccola ma di grande animo

Interlinea, piccola ma di grande animo Interlinea, piccola ma di grande animo

Viviamo in un Paese che cronicamente non legge, e – quando lo fa – si limita ai bugiardini delle medicine o alle targhette degli ascensori, tenendosi lontano dai libri come da un pericoloso detonatore di esplosivi. L’Associazione degli Editori cerca di rimediare alla mala parata con un ottimismo sano e costruttivo: nel ricordarci ogni anno la penuria di lettori veri, festeggia aumenti dello 0,1% con comunicati pieni di entusiasmo, mentre è evidente a tutti che dovrebbe listarli a lutto, per quel numero perennemente fermo attorno a dati risibili. Eppure, nonostante tutto, sotto ogni latitudine italiana continuano a spuntare nuove sigle editoriali. Se alcune non ce la fanno e spariscono in breve, altre, più coriacee, resistono, resistono, resistono, e ogni tanto ci ricordano che sono lì, baluardi di cultura contro l’inverno dello spirito che temeva Marguerite Yourcenar.

Preambolo un po’ prolisso per dire quanto siamo contenti quando vediamo che una casa editrice coraggiosa, di nicchia, raggiunge un traguardo importante, e lo festeggia in qualche modo – di solito con un libro, altrimenti che marchio editoriale sarebbe? È quanto accade in questi giorni con la novarese Interlinea, che conclude le celebrazioni per i suoi 30 anni con un numero della rivista «Microprovincia» interamente dedicato alle sue pubblicazioni. Da quelle pagine, sul filo della memoria, ci saluta festoso il gruppo degli autori di quell’area piemontese che hanno dato luogo al piccolo miracolo, cui hanno partecipato con vario entusiasmo. Ecco l’ispido Sebastiano Vassalli, che giudica l’editore «piccolo ma di grande animo»; l’accademico Giovanni Tesio, che ne elogia «la dedizione e la resistenza». E poi due grandi vecchi della cultura nazionale, purtroppo scomparsi da poco, a un’età più che venerabile che pure li vedeva ancora nel pieno dell’attività intellettuale: il filologo Carlo Carena, che riconosce a Interlinea la capacità di «dar luogo, con costanza e attenzione, secondo una tradizione insita nella storia dell’editoria, a edizioni che altrimenti non riuscirebbero a veder la luce» e Gian Carlo Ferretti, maestro degli studi sull’editoria, che al marchio novarese ha affidato molte decine dei libri che hanno illuminato la sua terza età.
Che tutto questo sia capitato in una piccola zona tutto sommato periferica per la cultura nazionale di per sé è già un discreto miracolo; e ancor di più se si sfoglia il catalogo di questi trent’anni, che comprende poeti di prima grandezza come Montale o Heaney, insieme a Franco Loi o padre Davide Turoldo; per non parlare di Clemente Rebora, nume tutelare della casa, che lo pubblica praticamente in esclusiva. Eccelle la collana «Nativitas», che dalla fondazione accompagna ogni anno il nostro Natale con titoli che spaziano tra campioni del laicismo come Dostoevskij fino a papa Woityla o al cardinal Ravasi, firma illustre di queste pagine. Tutto questo in libretti in sedicesimo, agili, di un grigio vivace che scalda il colore caro alla Bur conferendogli una allegria a volte riscaldata dai disegni di maestri come Emanuele Luzzati. Un patrimonio di 1500 titoli, dovuti al lavoro di due persone: Carlo Robiglio per la parte organizzativa e Roberto Cicala per quella editoriale. Nei primi anni 90 erano due amici ventottenni; oggi che il tempo è passato anche per loro, consola constatare che le energie non se ne sono andate con i capelli. Chissà quanti altri conigli usciranno dal loro cilindro acquattato nel novarese.


In “Il Sole 24 ore”-“Domenica”, 18 febbraio 2024

Coltivare fiori di parole. 30 anni di editoria di Interlinea. Testimonianze

Microprovincia 56 - 2022-2023

rivista: Microprovincia

pagine: 256

Una raccolta di testimonianze sui 30 anni di attività editoriale di Interlinea, fra autori, lavoro redazionale, promozione, paratesto, collane (da “Nativitas” e “Lyra” a “Le rane”) e casi editoriali, per arrivare ai lettori nel segno dello spazio tra le righe di un testo, appunto l’interlinea. «Alle origini di una casa editrice c’è innanzitutto una speciale passione per quello che gli autori, le collane, i singoli libri che si vorrebbero privilegiare come emblema e portabandiera dell’attività che si sta per avviare possono lasciare come idea di un modo di fare letteratura e insieme di interpretare, dal vivo di tante espressioni e testimonianze diverse, le realtà del mondo e le esperienze di vita degli scrittori. Certo, non bastano la bontà e l’entusiasmo delle idee: ci vogliono anche le risorse personali o la capacità di procurarsele, la condivisione ideale e pratica di chi è coinvolto in un determinato progetto, la complementarietà delle competenze tra amici fondatori – come è stato tra Roberto Cicala e Carlo Robiglio – e insieme la perseveranza di non accontentarsi mai di ciò che di volta in volta si è raggiunto perché, essendo il traguardo sempre più in là, bisogna continuare a cercare, a scoprire, a lasciare segni nuovi» (dalla presentazione di Giuliano Vigini). Interventi di Gabriella Alfieri, Alessandro Barbaglia, Alberto Bertoni, Pino Boero, Eugenio Borgna, Franco Buffoni, Carlo Carena, Barbara Caristia, Graziella Cerutti, Alessandro Curini, Alessia Diana, Gian Luca Favetto, Antonio Ferrara, Gian Carlo Ferretti, Walter Fochesato, Anna Lavatelli, Dacia Maraini, Gianni Mussini, Alessandra Alva Perez, Roberto Piumini, Valerio Rossi, Marco Scardigli, Cristina Taglietti, Giovanni Tesio, Sebastiano Vassalli, Giuliano Vigini e altri

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.