Il tuo browser non supporta JavaScript!

Porta l'irriverente e il suo Dante in vernacolo

24.03.2021
Da "La Repubblica" Milano, Simone Mosca sul libro L'Inferno di Dante riscritto in Milanese di Carlo Porta, a cura di Pietro Gibellini e Massimo Migliorati 

«Togliere il sacro all'inviolabile, buttare sul ridere il Canto V, il rossore di Paolo e Francesca, il candido amore secondo Dante. Tutto s'abbassa nel vernacolo popolano, sanguigno e però più vero di Carlo Porta».

L’Inferno di Dante riscritto in milanese

di Carlo Porta

editore: Interlinea

pagine: 136

La prima traduzione del poema di Dante in un dialetto italiano si deve a Carlo Porta. L’Inferno in versi milanesi, seppur frammentario, rappresenta il vero inizio della poesia portiana.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito web utilizza cookies per aiutare a migliorare i servizi e le informazioni ai suoi visitatori. Se continui ad usare questo sito ne accetti implicitamente l'utilizzo. Ricordiamo inoltre che dal tuo browser è possibile cancellare la cache e tutti i cookies principali. Utilizziamo cookies di terze parti e proprietari. Per maggiori informazioni ti invitiamo a consultare la Cookies Policy

Acconsento