Il tuo browser non supporta JavaScript!

La canzone inedita riaccende i riflettori su Bob Dylan

La canzone inedita riaccende i riflettori su Bob Dylan

 

Nei giorni scorsi sul sito ufficiale bobdylan.com è apparsa questa breve nota: «Un saluto ai miei ammiratori e sostenitori con gratitudine per tutto il vostro aiuto e la vostra lealtà nel corso degli anni. Questa è una canzone inedita che abbiamo registrato un po’ di tempo fa e che potreste trovare interessante. State al sicuro, rispettate le norme e che Dio sia con voi. Bob Dylan». L’attenzione per il cantautore premio Nobel ha così riacceso i riflettori sulle sue provocazioni che Interlinea ha messo in evidenza in due libri, Parole nel vento. I migliori saggi critici su Bob Dylan, a cura di Alessandro Carrera, e Bob Dylan. Play a song for me, a cura di Giovanni A. Cerutti (entrambe in promozione sul nostro sito con uno sconto del 25%). Cerutti ha anche scritto un intervento sulla canzone, pubblicato su “La voce di Novara”:https://www.lavocedinovara.com/rubrica/un-delitto-efferato. Invece Carrera ne ha scritto sul “Doppiozero”:https://www.doppiozero.com/materiali/bob-dylan-murder-most-foul

Scrive Cerutti: «Il titolo Murthermostfoulè una citazione dell’Amleto. Nella quinta scena del primo atto, lo spettro del padre rivela al figlio di non essere stato morsicato da un serpente mentre dormiva in giardino, ma di essere stato vittima di un assassinio.Alla domanda stupita di Amleto: “Murther?”, lo spettro risponde: “Murthermostfoul”,“assassinio vilissimo”nella traduzione di Cesare Vico Lodovici. I primi quattro versi spiegano subito in modo quasi didascalico di quale assassinio narra la canzone:“‘twas a dark day in Dallas, November '63 / the daythatwould live on in infamy / President Kennedy was a-ridin' high / goodday to be livin’ and a goodday to die!”. Fu un giorno nero a Dallas, novembre ’63,/giorno d’infamia per l’eternità/il Presidente Kennedy era sulla cresta dell’onda,/un bel giorno per vivere, un bel giorno per morire. Nel canzoniere di Dylan, il presidente Kennedy è citato una sola volta, in I Shall Be Free, la canzone che chiude The Freewheelin’, pubblicato qualche mese prima dell’attentato. In modo scanzonato e giocoso, il ventiduenne Dylan, risponde a una telefonata del presidente che gli chiede cosa fare per far crescere il paese: «my friend John, Brigitte Bardot, Anita Ekberg, Sophia Loren». Qualche mese più tardi, dopo la tragedia, Dylan scriverà un breve ciclo di dolenti poesie note come The Kennedy Poems e mai pubblicate, anche se ampiamente circolate in edizioni pirata. Dunque, come mai solo ora e in queste circostanze affrontare questo snodo della vita pubblica americana? La risposta arriva man mano che la canzone procede… L’andamento del canto trasformail susseguirsi dei versi in una sommessa e accorata litania che evoca il potere della musica, e dell’arte in generale, di lasciare intravedere, anche solo per un momento, l’essenza della condizione umana. Una struttura testualeche è stata accostataalla lista di opere e artisti per cui vale la pena viverecon cui Woody Allen chiude Manhattan, ma che Dylan aveva già utilizzato in una poesia pubblicata nel 1964, l’Undicesimo epitaffio abbozzato. L’allora giovane Dylan evocava i suoi riferimenti musicali e concludeva con i versi: “’la musica, amico, è questa la risposta” /sono parole religiose/fuori le campane/suonavano/e stanno ancora suonando”».


Link al libro Bob Dylan. Play a song for me, a cura di Giovanni A. Cerutti
Link al libro Parole nel vento. I migliori saggi critici su Bob Dylan, a cura di Alessandro Carrera

Bob Dylan. Play a song for me

Testimonianze

a cura di Alessandro Carrera, Giovanni A. Cerutti

editore: Interlinea

pagine: 106

"Io sono le mie parole" ha scritto Bob Dylan: in occasione dei suoi settant'anni sono qui raccolte le voci di compagni di strada

Parole nel vento

I migliori saggi critici su Bob Dylan

a cura di Alessandro Carrera

editore: Interlinea

pagine: 232

Sono migliaia gli articoli è le testimonianze su Bob Dylan che si sono accumulati sulla stampa mondiale a partire dal 1961, quando Dylan fece il suo debutto a New York come folksinger. Oggi Dylan è ancora una forza artistica trascinante e con l'ultimo album Modern Times (2006) è stato capace di scalare le classifiche internazionali con una sequenza di canzoni che affondano le loro radici nei blues e nel Folk, nella Bibbia e nei classici, e che sfuggono a qualunque legge di mercato. Tra l'immensa produzione critica dedicata a Dylan, Alessandro Carrera ha selezionato dodici saggi, tutti inediti in Italia, attraverso i quali vengono scandite le tappe di una carriera straordinaria. Dal primo profilo dylaniano apparso sul "New Yorker" nel 1964, fino a un saggio su Dylan come maestro dell'arte della memoria, pubblicato nel 2006, emerge un ritratto multiplo ed esteso nel tempo, la biografia intellettuale a più voci di uno dei più significativi artisti del nostro tempo.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.