Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Tra risate e dolcetti, aspettiamo Halloween con Stick Dog

Tra risate e dolcetti, aspettiamo Halloween con Stick Dog Tra risate e dolcetti, aspettiamo Halloween con Stick Dog
Tra risate e dolcetti, aspettiamo Halloween con Stick Dog
Torna Il Diario di Stick Dog con una nuova avventura tra dolcetti e scherzetti
Esce in libreria il quinto capitolo della famosa serie americana scritta da Tom Watson e tradotta in molte lingue in milioni di copie: Il diario di Stick Dog 5. Dolcetto o scherzetto?, nella traduzione di Marina Vaggi. In questa puntata il cane stecchino e i suoi amici pelosi e sgangherati sono alla ricerca di cibo proprio nella notte di Halloween... che cosa potrà mai andare storto?

Stick Dog 5. Dolcetto o scherzetto?Mentre le ultime luci della sera scendono sulla città, Stick Dog e i suoi amici vanno alla ricerca di cibo. Ma non è una sera come le altre. I piccoli umani indossano travestimenti spaventosi, portando grossi cestini arancioni dal contenuto molto interessante: dolcetti! Ma per mettere le zampe sul bottino i nostri cinque amici dovranno pedinare due streghe, raggirare una vecchietta e scappare da una trappola... Dagli 8 anni.

Tom Watson vive a Chicago con sua moglie e i suoi due figli. Hanno anche un cane, naturalmente, un incrocio tra un Labrador e un Terranova, che si chiama Shadow. Prima di fare lo scrittore, Tom ha scritto discorsi per la politica. Ha anche lavorato nel marketing e nella pubblicità. Ma poi ha scoperto che gli piace molto di più scrivere libri per bambini. E pensa che i bambini siano molto più intelligenti degli adulti. Di Tom Watson sono usciti presso Interlinea anche Il diario di Stick Dog; Il diario di Stick Dog 2. Stick Dog vuole un hot dog  Il diario di Stick Dog 3. Stick Dog a caccia di pizza e Il diario di Stick Dog 4. Stick Dog sogna un gelato


Un brano del libro

Stick Dog sorrise: “C’è qualcosa che ti frulla per la testa e mi piacerebbe sapere di che cosa si tratta” rispose. “Mi hai incuriosito. Voglio solo saperlo, così posso tornare a convincere Striscia che le streghe non esistono. Poi possiamo calmarci tutti e tornare in quella casa e vedere se riusciamo a trovare qualcosa da mangiare”.

“Oh, capisco” disse Karen e annuì.

“Quindi?” ripeté Stick Dog. “Che cosa volevi dirci?”

Karen si guardò alle spalle attraverso la recinzione e si rivolse a Stick Dog: “Ho solo pensato che ti avrebbe fatto piacere sapere che ci sono due streghe che attraversano la strada e vengono da questa parte. Tutto qui”.

“Tutto qui?” Babà, Meticcio e Striscia urlarono contemporaneamente.

“Eh già, tutto qui” confermò Karen con nonchalance. Poi aggiunse, quasi come un ripensamento: “Beh, a parte il fatto che entrambe hanno in mano teste umane rotonde e arancioni”.

Stick Dog, Striscia, Meticcio e Babà rimasero completamente immobili e silenziosi.

Per tre secondi.

Poi presero a muoversi in modi molto diversi.

Striscia era ferma, ma tremava tutta. Le gambe le facevano Giacomo Giacomo e sembrava sul punto di crollare completamente. “Losapevolosapevolosapevo” mormorò barcollante.

Anche Meticcio iniziò a tremare, ma sembrava che lo facesse per uno scopo preciso. Dopo qualche secondo, guardò tutt’intorno a terra le cose che erano cadute dalla sua pelliccia. Era come se stesse cercando qualcosa da usare, forse un’arma di qualche tipo, per respingere le streghe che si avvicinavano. Ma erano caduti solo due bastoncini, una vecchia matita e un terzo di un frisbee di gomma. Non avendo trovato nulla per difendere se stesso e i suoi amici, chinò la testa a terra, prese in bocca il pezzo di frisbee e iniziò a masticarne i bordi. Questo sembrò confortarlo un bel po’.

Babà iniziò a saltellare su e giù e mosse la testa a destra e a sinistra.

Come aveva fatto Striscia, mormorò qualcosa più e più volte, velocemente: “StickDogStickDogStickDog”.

Karen infilò di nuovo la testa tra le viti e disse: “Dev’essere rimasto un acino d’uva qui da qualche parte”.

Anche Stick Dog si muoveva rapidamente. Saltò e scivolò fino alla staccionata bianca. Scostò alcune viti per avere una visuale più chiara del vialetto e della strada attraverso lo steccato.

Non poteva credere ai suoi occhi.




Il diario di Stick Dog 5

Dolcetto o scherzetto?

di Tom Watson

editore: Interlinea

pagine: 216

Mentre le ultime luci della sera scendono sulla città, Stick Dog e i suoi amici vanno alla ricerca di cibo. Ma non è una sera come le altre. I piccoli umani indossano travestimenti spaventosi, portando grossi cestini arancioni dal contenuto molto interessante: dolcetti! Ma per mettere le zampe sul bottino i nostri cinque amici dovranno pedinare due streghe, raggirare una vecchietta e scappare da una trappola... Dagli 8 anni.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.