Il tuo browser non supporta JavaScript!

Bambini alla scoperta del bosco incantato con la nuova storia green di Ruiz Mignone

Bambini alla scoperta del bosco incantato con la nuova storia green di Ruiz Mignone Bambini alla scoperta del bosco incantato con la nuova storia green di Ruiz Mignone

Il bosco dei respiri è il nuovo libro dell'autore torinese illustrato da Daniela Costa: una storia magica che ci parla dei sogni dei bambini in una dimensione naturale (nella collana “Le rane” di Interlinea stampata su carta ecologica ricavata dalle alghe)

Il bosco dei respiri di Sebastiano Ruiz Mignone, che esce a maggio nella collana “Le rane” di Interlinea stampata su carta ecologica ricavata dalle alghe, è una storia tra sogno e realtà, concreta eppure sognante, che racconta di come «nei sogni, a volte, ci sono cose nascoste che solo i bambini possono scoprire».

Così è infatti per Sibilla, tanto affezionata al nonno che non può sopportare l’idea che lui stia male semplicemente perché “è vecchio”. E non sopporta di vederlo soffrire per un’improvvisa mancanza di respiro: ci sarà pure un modo per trovargli un respiro nuovo di zecca! Perciò una sera la bambina, addormentarsi, sognerà di un bosco magico, un bosco in cui si possono trovare tutti i respiri del mondo, e in cui (forse) troverà anche quello perduto del nonno. Ma il respiro di cui qui si parla non è semplicemente il fiato, ma molto di più, e l’autore ci avverte fin dall’incipit della storia, con una citazione dal Libro del vento di Lyall Watson: «Ruh in arabo significa respiro, spirito, ma anche vento. Ruach in ebraico significa la stessa cosa. Pneuma in greco vale sia per vento che spirito. Spiritus in latino descrive l’inalazione di un respiro da parte di un dio, letteralmente un’ispirazione».
Il bosco dei respiri è una storia di sentimenti e di natura da parte di un grande narratore per ragazzi.

Il libro
Sibilla è molto affezionata a suo nonno Rinaldo, che ha sempre un pensiero speciale per lei e le insegna tante cose. Un giorno però il nonno non si sente bene e comincia ad avere il respiro corto, così la bambina decide che deve aiutarlo in qualche modo. Ma come? Per caso esiste un posto dove si vendono i respiri nuovi di zecca? Poi una notte Sibilla sogna di essere in un bosco… una storia magica che racconta come «nei sogni, a volte, ci sono cose nascoste che solo i bambini possono scoprire».

L’autore 
Sebastiano Ruiz Mignone, torinese, è uno dei più brillanti autori della nuova letteratura per ragazzi italiana. Ha pubblicato da tutti i maggiori editori e ha vinto numerosi premi letterari, tra cui l’Andersen e il premio Cento. Per Interlinea ha scritto Il musicista del Titanic, La strega di Natale, Casa pelosa, Occhichiusi e Il ritorno di Babbo Natale

L’illustratrice
Daniela Costa vive e lavora a Torino e ha pubblicato con diverse case editrici per ragazzi. Collabora con magazine e riviste di settore e tiene laboratori e workshop per bambini, ragazzi e adulti.

Un brano del libro
Una notte sognò di essere in un bosco, dove un venticello le accarezzava i capelli e la spingeva a inoltrarsi per i sentieri profumati. «Si… Si… Sibilla… Sibilla… Sibilla…» Qualcuno la stava chiamando, anzi erano più voci che venivano da diverse direzioni, come dei bisbigli, dei sussurri portati dal vento. La bambina dapprima era incerta su dove muovere i propri passi, ma poi una voce, che sembrava provenire da più vicino, la convinse.

«Sibilla… Sibilla… Sibilla…»

«Chi mi chiama? Chi conosce il mio nome?» domandò la bambina.

«Vieni… vieni… vieni più vicina…» ripose la voce, che aveva il suono di un’arpa e sembrava un canto.

«Ma chi sei?» domandò ancora Sibilla.

«Sono il Respiro del Sonno…»

 

 

Tag:

Il bosco dei respiri

di Sebastiano Ruiz Mignone

editore: Interlinea

pagine: 32

Una storia di amore e di sogni di Sebastiano Ruiz Mignone

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.